Pil, Uecoop: "Ripresa 2021 traina lavoro con calo inattivi Istat"

Gazzetta della Spezia e Provincia ECONOMIA

Il 15% delle imprese – spiega l’indagine Uecoop – pensa di assumere nuovo personale contribuendo al calo della disoccupazione nei prossimi mesi grazie anche alla resilienza del sistema delle imprese cooperative italiane, che può contare su circa 80mila realtà con oltre un milione di occupati.

Il ritorno degli italiani a caccia di un posto di lavoro è positivo per 3 imprese su 4 (76%) che secondo l’indagine Uecoop credono nella ripartenza dell’economica trainata da turismo, alimentare e servizi e a seguire dagli altri comparti, dall’immobiliare allo spettacolo, dallo sport all’abbigliamento. (Gazzetta della Spezia e Provincia)

Su altri giornali

Un clima positivo e di miglioramento generale delle prospettive, dunque, su cui però pesano dubbi ed incertezze legate all’andamento della situazione sanitaria Anche dal turismo, dopo due mesi sotto tono, arrivano segnali incoraggianti per il periodo di agosto. (AGIMEG)

Nel secondo trimestre del 2021 l’Istat stima un aumento del 2,7% rispetto al trimestre precedente e del 17,3% in termini tendenziali in riferimento allo stesso trimestre del 2020, quando crollò di più del 12%. (quoted business)

Nel trimestre, la performance dell’economia italiana è stata circa in linea con quella spagnola (2,8% t/t) e decisamente migliore rispetto a Germania (1,5% t/t) e Francia (0,9% t/t).Per i prossimi trimestri sarà essenziale la parabola della risalita dei contagi dettata dal diffondersi della variante delta. (Finanza.com)

La spinta sembra proseguire anche nel trimestre estivo, come suggerisce il rafforzamento di luglio dell’indice di fiducia di consumatori ed imprese. Un clima positivo e di miglioramento generale delle prospettive, dunque, su cui però pesano dubbi ed incertezze legate all’andamento della situazione sanitaria (ilMetropolitano.it)

Se le ultime notizie riguardo i contagi da Covid-19 non sono affatto promettenti, sul lato economico l’Italia vede finalmente aprirsi uno spiraglio di luce. Meglio dell’Italia solo la Spagna, con +2,8% trimestrale, arrivato grazie al dato dei consumi interni che si attesta a +6,6% (Il Quotidiano Italiano - Nazionale)

Sorpresa positiva dal Pil dell’Italia che nel secondo trimestre ha accelerato più del previsto, dando un segnale incoraggiante riguardo la ripresa economica in atto dopo un inizio 2021 in lieve recupero. (Wall Street Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr