Manifestante in lacrime: “Sono padre di famiglia e non lavoro, non puoi capire”. E il poliziotto lo conforta

Manifestante in lacrime: “Sono padre di famiglia e non lavoro, non puoi capire”. E il poliziotto lo conforta
infodifesa.it INTERNO

Si tratta di un padre di famiglia, un ristoratore, che non riesce più a portare il pane a casa.

Alla vista di quell’uomo un poliziotto gli si avvicina e lo consola

Momenti di tensione, di scontri, di urla ma anche di conforto.

Poliziotto conforta manifestante, accade a Roma, durante gli scontri sotto Montecitorio.

Un manifestante infatti, preso dallo sconforto, inizia a piangere.

(infodifesa.it)

Ne parlano anche altri giornali

L’obiettivo è chiaro, definito da mesi: aprire definitivamente le scuole e chiudere i conti con la dad. Finora pura fantascienza, tant’è che un eventuale promozione dell’Emilia Romagna in fascia arancione comporterebbe il ritorno sui banchi solo del 50% degli alunni (il Resto del Carlino)

(LaPresse) – “Sono assolutamente consapevole della situazione, uno deve condannare totalmente la violenza ma capisco tutto lo smarrimento”. Così il premier Mario Draghi in conferenza stampa (LaPresse)

Sono 1.280 i furgoncini dei commercianti ambulanti che oggi hanno raggiunto Firenze per la manifestazione organizzata dall’associazione Assidea per chiedere le riaperture dei mercati, causando disagi alla circolazione nelle vie intorno al centro cittadino. (ilFormat)

Covid, legale ‘Io apro’: 3mila ricorsi contro multe per ristoranti aperti

“Le violenze vanno sempre condannate e quelli che si sono macchiati di violenza sono persone che non hanno la mia vicinanza […] Hanno preso parte alle manifestazioni anche alcuni gestori di attività non interessate dalle chiusure disposte dal governo. (News Mondo)

L’Italia rischia di diventare un paese miserabile, dove le persone fanno manovre acrobatiche per poter arrivare alla fine del mese, ogni mese. E non dobbiamo dare priorità solo ed esclusivamente a tutto quello che riguarda direttamente soltanto l’importante lotta al virus. (AdHoc News)

A LaPresse, Lorenzo Nannelli, legale della rete di ‘Io apro’, insieme con i colleghi Mauro Sandri e Linda Corrias, dice: “Abbiamo intasato le Prefetture d’Italia e siamo in attesa di risposte. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr