Cgil, studio Inps Upb conferma ‘Quota 100’ risposta marginale e temporanea

Per saperne di più:
Adnkronos INTERNO

E' la dichiarazione del segretario confederale Cgil, Christian Ferrari, commentando l’analisi di Inps e Upb.

I dati confermano ''la fondatezza delle stime che la Cgil aveva fatto a suo tempo, sia sulla platea coinvolta dalla misura che sulle risorse impegnate.

Il punto non era rendere più graduale l’uscita da 'Quota 100', ma riformare complessivamente il sistema

Tale aspetto va considerato anche ai fini della quantificazione dell’impatto finanziario, che sarebbe di gran lunga inferiore rispetto alle valutazioni attuali, delle proposte di modifica del sistema previdenziale”. (Adnkronos)

Su altri media

Pubblicità La spesa pensionistica, in una prospettiva di flessibilità del sistema ammonterebbe a "18 miliardi di euro in tre anni con quota 41"nel periodo 2023-2025, inoltre a "6 miliardi con l'opzione al calcolo contributivo a 64 anni di età e almeno 35 anni di anzianità a condizione di aver maturato un importo pari ad almeno 2,2 volte l'assegno sociale". (La Sicilia)

Tutti i lavoratori dovranno, dunque, abituarsi all’idea che l’importo dell’assegno pensionistico sarà più basso rispetto allo stipendio mensile I contributi versati dal lavoratore servono per calcolare l’importo dell’assegno pensionistico anche nel caso dei precoci. (InformazioneOggi.it)

Molti lavoratori potranno recuperare i contributi in più versati all’INPS ma per altri questa soluzione non sarà possibile. Siamo pronti per capire se i contributi INPS versati in eccesso possono essere recuperati. (InformazioneOggi.it)

Con Quota 100 solo 380mila uscite dal lavoro: avanzano 5 miliardi. Pensioni, si riapre il cantiere della riforma

(Adnkronos) - “La collaborazione con l’Ufficio Parlamentare di Bilancio e con la neo presidente Cavallari mira a dare una maggiore informazione al legislatore, al governo e al Parlamento per prendere qualsiasi decisione sulla base di una valutazione delle politiche pubbliche e di una piena consapevolezza di ciò che i dati e l’evidenza empirica offre”. (Today.it)

Lo dicono Inps e Upb: invece che un milione di lavoratori, la riforma leghista ne ha pensionati meno di quattrocentomila. La Fornero non è intoccabile ma Quota 41, la nuova proposta del Capitano, costa troppo (L'HuffPost)

Il bilancio. A ricorrere a “Quota 100” – secondo Inps e Upb – sono stati soprattutto gli uomini. L’eta’ media alla decorrenza si è attestata poco al di sopra di 63 anni, mentre l’anzianità media è di 39,6 anni. (PA Magazine)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr