Famiglia no vax sterminata dal Covid, perdono la vita nonni e nipote di 42 anni

Famiglia no vax sterminata dal Covid, perdono la vita nonni e nipote di 42 anni
Edizione Napoli INTERNO

La mamma è l’unica della famiglia finora ad aver contratto il Covid e ad esserne uscita senza conseguenze.

Un’intera famiglia non vaccinata distrutta dal Covid a San Francesco al Campo in provincia di Torino.

L’ultima vittima è Mario Ferrero, operaio ascensorista di San Francesco al Campo, che aveva 42 anni.

Marco Ferrero era uno sportivo e giocava a calcio nell’Asd Idea Team che lo ha ricordato sui social: «Purtroppo Marco non è riuscito a vincere la battaglia contro il Covid

Tra la fine di dicembre e i primi giorni del 2022 sono morti nonni e nipote, tutti colpiti dalle complicanze provocate dal coronavirus. (Edizione Napoli)

La notizia riportata su altri giornali

Un'intera famiglia non vaccinata distrutta dal Covid a San Francesco al Campo, nel torinese. Tra la fine di dicembre e i primi giorni del 2022 sono morti nonni e nipote, tutti colpiti dalle complicanze provocate dal coronavirus. (Il Messaggero)

Ora è il padre di quest’ultimo a lottare per sopravvivere in terapia intensiva a Ciriè, nelle Valli di Lanzo. Vivevano a San Francesco al Campo, nel Torinese. (Corriere della Sera)

Covid, un'intera famiglia non vaccinata distrutta dal virus: morti due nonni e il figlio, il padre in terapia…

Marco Ferrero era anche uno sportivo e giocava a calcio nell'Asd Idea Team che lo ha ricordato sui social: «Purtroppo Marco non è riuscito a vincere la battaglia contro il covid E a San Francesco al Campo, da qualche giorno, si discute di un'intera famiglia alle prese con il coronavirus. (QC QuotidianoCanavese)

Non solo, il papà lotta anche lui contro il Covid nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Ciriè mentre la mamma ne era invece fortunatamente uscita. Nessuno di loro aveva fatto il vaccino, come tutti sapevano in paese: "Non voglio parlare delle cause per rispetto delle scelte di mio figlio", ha detto la mamma Rinuccia. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr