Marks & Spencer dimezza i negozi in Francia per colpa di Brexit

Corriere della Sera ECONOMIA

Già all’indomani dell’accordo tra Unione Europea e Regno Unito il settore del tessile-abbigliamento aveva denunciato i problemi.

Ora, sulle le merci che costano più di 135 sterline importate nel Regno Unito dall’Ue, possono essere applicati dazi doganali, che gravano sui costi fino al 25%.

Prima della Brexit, le merci potevano circolare liberamente tra il Regno Unito e l’Ue senza tasse di importazione. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altri media

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione ed ottenere statistiche sull’uso dei nostri servizi, questo sito web utilizza esclusivamente cookie tecnici necessari o assimilabili ad essi, anche di terze parti. (Assolombarda)

Brexit, il governo Johnson ha deciso: si torna alle unità di misura "imperiali" dal nostro corrispondente Antonello Guerrera. Il primo ministro britannico Boris Johnson (afp). Finirà presto "il martirio metrico decimale", come lo hanno chiamato gli euroscettici britannici nei decenni. (La Repubblica)

Il Regno Unito, sottolinea Equita, rappresenta un’opzione di crescita per la società, che nelle stime degli analisti non sposta in maniera significativa i numeri Fineco nei prossimi 2-3 anni Fineco ha rassicurato che `non ci sono di conseguenza rischi di un blocco dell’operatività per i loro clienti UK`. (Yahoo Finanza)

Il Regno Unito guadagna un posto nella classifica dei paesi che gli italiani sentono più “vicini”. · Università, città, cultura, natura e opportunità di carriera in cima all’apprezzamento degli italiani per il Regno Unito. (La Repubblica)

Sicuramente sarà soddisfatto il gruppo Metric Martyrs, che si batteva per il diritto di scegliere quale unità di misura utilizzare. Quindi spazio nuovamente a libbre e once: il ritorno alle misure imperiali è un effetto collaterale della Brexit. (Italia Oggi)

Ad oggi i clienti di Fineco Oltremanica sono circa 20mila, dei quali il 15% è italiano. In Borsa alle ore 11,18 il titolo segna +0,38% a 16,02 euro con il Ftse Mib a +0,23% (Finanza Report)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr