Pensione, attenti ai contributi non versati dall’azienda: tutto quello che c’è da sapere

Pensione, attenti ai contributi non versati dall’azienda: tutto quello che c’è da sapere
ContoCorrenteOnline.it INTERNO

A tal proposito è bene sapere che, fortunatamente, non sempre tutto è perduto, in quanto è possibile chiedere all’INPS l’applicazione del “principio di automaticità“.

Solo in questo modo è possibile far scattare il “principio di automaticità delle prestazioni”, in grado di garantire comunque al lavoratore l’accredito dei contributi

Pensione, attenti ai contributi non versati dall’azienda: quando scatta il “principio di automaticità”. (ContoCorrenteOnline.it)

Su altre testate

«Costerebbe dai 4,33 miliardi agli oltre 9 miliardi l'anno», ha sottolineato. Il costo dell'«Ape contributiva», cioè l'anticipazione della quota contributi a 63-64 anni, sarebbe sostenibile, ha spiegato Tridico. (ilGiornale.it)

La soglia può aumentare di 2.000 euro per ciascun componente oltre il primo e fino ad un massimo di 10.000 euro. Relativamente al patrimonio immobiliare, invece, il nucleo del richiedente non può superare i 30.000 euro, ad eccezione della casa di abitazione. (Proiezioni di Borsa)

Ma per Tridico l’Ape sociale andrebbe estesa anche ai lavoratori fragili, colpiti dal Covid e malati oncologici Mentre viene bocciata la soluzione dei 41 anni di contributi a prescindere dall’età, perché eccessivamente onerosa: 9 miliardi nel 2029. (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Pensioni, Tridico: "Anticipazione a 63/64 anni con quota contributiva"

Lo sottolinea il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico in una audizione alla Commissione Lavoro della Camera spiegando che questa ipotesi sarebbe “sostenibile” dal punto di vista finanziario con un aggravio di circa 2,5 miliardi per i primi tre anni e risparmi a partire dal 2028. (Il Fatto Vesuviano)

Al contrario, una Quota 41 per tutti (lasciare il lavoro con 41 anni di contributi a prescindere dall'età) costerebbe nel 2022 4,3 miliardi per poi crescere e toccare nel 2029 oltre 9 miliardi l'anno. Il secondo pezzo è invece la quota retributiva, parametrata agli ultimi stipendi: arriverà a 67 anni. (Today.it)

Questa proposta consentirebbe una certa flessibilità nell'età di accesso alla pensione, una anticipazione e potremmo definirla una sorta di Ape contributiva". (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr