Pedofilia, il Vaticano non può essere denunciato insieme ai sacerdoti citati dalle vittime: per la Corte Europea la Santa Sede vale l'immunità

Pedofilia, il Vaticano non può essere denunciato insieme ai sacerdoti citati dalle vittime: per la Corte Europea la Santa Sede vale l'immunità
Per saperne di più:
ilmessaggero.it ESTERI

Tuttavia la responsabilità non può essere attribuita al Vaticano

Inoltre la Corte ha affermato che la cattiva condotta dei preti e dei loro superiori non può essere attribuita alla Santa Sede.

In pratica la Corte europea ha respinto una causa intentata da due dozzine di persone in una sorta di class action di vittime delle pedofilia.

NEWS Imu della Chiesa, nel mirino i cinque miliardi di arretrati GIURISPRUDENZA Avvocato Corte Giustizia Ue, illegittimo per strutture. (ilmessaggero.it)

Ne parlano anche altri giornali

La Cedu ha richiesto in particolare «l’immunità» della Santa Sede riconosciuta dai «principi di diritto internazionale». La Corte «ritiene che il rigetto non abbia deviato dai principi di diritto internazionale generalmente riconosciuti in materia di immunità dello Stato» e che si applicano al Vaticano (La Stampa)

La Corte, che si esprime per la prima volta su questo tema, si è pronunciata a favore dei tribunali belgi I ricorrenti, di nazionalità belga, francese e olandese, erano stati respinti dai tribunali belgi, che avevano invocato l’immunità giurisdizionale della Santa Sede. (L'HuffPost)

Pedofilia, perché secondo la Corte Europea il Vaticano non può essere denunciato? Secondo la Corte Europea il Vaticano non può essere denunciato per pedofilia perché gode dell'immunità sovrana. (Notizie.it )

Vaticano, vittime pedofilia contro Corte Europea: «Impunità? Stupido negare il nesso con le diocesi»

Città del Vaticano, 13/10/2021 –(ilmessaggero) La Corte europea dei Diritti dell’uomo, con una sentenza che non mancherà di far discutere, ha stabilito che il Vaticano non può essere citato in un tribunale locale per gli abusi sessuali commessi dai preti o dai vescovi. (StatoQuotidiano.it)

La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha stabilito martedì 12 ottobre che il Vaticano non può essere citato in giudizio nei tribunali europei perché è uno stato sovrano. Un’altra sentenza importante è stata data lo scorso martedì, affermando che il Vaticano è uno stato sovrano che non può essere citato in giudizio. (Ck12 Giornale)

Secondo Snap – il network delle vittime – si tratta di una decisione paragonabile a un «irritante promemoria dell'impunità del Vaticano, resa possibile dal suo status di stato sovrano». La causa. La causa finita davanti alla Corte europea ha avuto come protagonisti 24 vittime provenienti da Belgio, Olanda e Francia, tutti abusati da bambini. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr