Napoli, protesta dei lavoratori dello spettacolo: in centinaia bloccano il traffico

Napoli, protesta dei lavoratori dello spettacolo: in centinaia bloccano il traffico
Fanpage.it INTERNO

A Napoli, molti teatri hanno aderito all'iniziativa: il Bellini, il Mercadante, l'Augusteo.

In alcuni di questi teatri sono rimasti aperti anche i foyer, dove alcuni lavoratori si sono radunati, nel rispetto delle norme anti-Covid

Il blocco è stato poi interrotto, senza problemi e senza alcun incidente, dalle forze dell'ordine, che hanno ripristinato la normalità.

La manifestazione è poi proseguita all'esterno poi dell'Accademia di Belle Arti, nel cuore del centro storico. (Fanpage.it)

Ne parlano anche altri media

in foto: La protesta all’interno del Teatro Augusteo. Il sovrintendente e direttore del San Carlo, Stéphane Lissner, ha anche commentato il flash mob dicendosi convinto che "il Ministro Franceschini farà di tutto per riaprire i teatri al più presto" (Fanpage.it)

A Milano un gruppo di studenti appartenenti a diverse scuole e un gruppo di lavoratori dello spettacolo hanno occupato gli spazi dell’ ex cinema Arti in via Mascagni. “ Ci siamo riappropriati di uno spazio abbandonato per fare una lezione dove parleremo di spettacolo, cultura e istruzione . (Il Fatto Quotidiano)

Tutte le assurde complicazioni burocratiche che devono affrontare coloro che in Italia si occupano di spettacolo messe in scena con ironia in una commedia musicale spassosa. Un concerto di Vivaldi in programma, 5 musiciste internazionali, una veneziana addetta alle pulizie del teatro (e appassionata di rock inglese) che non può che esclamare "Ancora con 'sto Vivaldi!". (VeneziaToday)

Artisti, tecnici e pubblico: il mondo dello spettacolo scende in piazza a Genova

Chiedono che l'apertura dei teatri, chiusi da un anno a causa della pandemia da Covid, avvenga in piena sicurezza per tutti i lavoratori. (Rai News)

«Vogliamo che si investa fino al 5 per cento di Pil sull’istruzione, che sia tutelato veramente il diritto allo studio, che si attivi un piano nazionale di edilizia scolastica, che si renda l’istruzione, compresa l’università e l’accademia, realmente gratuita e accessibile a tutte e tutti, che si elimini il precariato dei docenti e le classi pollaio aumentando gli spazi e riducendo gli studenti per classe». (Corriere della Sera)

Spettacolo e cultura sono la nostra identità e il volano della ripartenza del Paese" Ma c'è anche il pubblico in piazza che non vede l'ora di tornare in platea. (Primocanale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr