La borsa di Milano chiude in negativo, la nuova variante Covid spaventa i mercati

Stretto web ECONOMIA

26 Novembre 2021 19:40. La paura per la nuova variante Covid fa crollare le Borse mondiali tra cui quella di Milano. L’indice Ftse Mib chiude in ribasso del 4,60% a 25.852 punti, ai minimi della giornata sui mercati.

I timori per la nuova variante Covid e lo scivolone del prezzo del petrolio fanno crollare le Borse mondiali e con loro Piazza Affari a Milano

(Stretto web)

Se ne è parlato anche su altri media

In caduta anche prezzo del petrolio Wti, sceso al Nymex sotto i 70 dollari al barile. A Piazza Affari brilla Diasorin, che riporta un +5,55% (Pfizer vola a Wall Street, segnando +6,8%) (Bizjournal.it - Liguria)

Dobbiamo far capire che siamo ancora una volta pronti a dimostrare che siamo campioni non solo d’Europa, ma anche di vita per aver messo insieme l’energie di una famiglia che ha regalato un risultato straordinario, non vorrei macchiare questo percorso di questi ragazzi” In attesa delle partite di marzo della nazionale azzurra, che ci diranno se l‘Italia sarà protagonista al Mondiale di Qatar 2022, il presidente della Figc Gabriele Gravina è intervenuto ai microfoni di Sky Sport. (Calcio In Pillole)

La variante sudafricana affonda le borse. La variante sudafricana spaventa i mercati. A Piazza Affari l’indice Ftse Mib ha terminato in ribasso del 4,60% a 25.852 punti: ai minimi della durissima giornata sui mercati. (Il Secolo d'Italia)

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. (Borsa Italiana)

Ieri, secondo i dati del ministero della Salute, i nuovi casi di Covid 19 sono stati 13.686, con 51 morti Il ministro sudafricano della Salute ha definito «ingiustificata la reazione dei paesi europei alla nuova variante». (Italia Oggi)

Gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità si riuniscono oggi per decidere se la nuova variante sia “di interesse” o (peggio) “di preoccupazione”, ma mettono già in guardia: per capirlo occorreranno settimane. (ISPI)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr