Un getto di luce dal cuore oscuro di Centaurus A

Un getto di luce dal cuore oscuro di Centaurus A
Global Science SCIENZA E TECNOLOGIA

Con le nuove osservazioni EHT del getto di Centaurus A, la probabile posizione del buco nero è stata identificata nel punto di lancio del getto stesso.

Se la forte attrazione gravitazionale di un buco nero attira tutta la materia circostante, un getto relativistico può nascere solo al di fuori di esso, sicuramente oltre l’orizzonte degli eventi: la regione in cui nulla, né materia né luce, può scappare al buco nero. (Global Science)

Ne parlano anche altre testate

La foto, pubblicata sulla rivista Nature Astronomy , è stata ottenuta dalla stessa collaborazione internazionale che nel 2019 aveva realizzato la prima immagine di un buco nero, l'Event Horizon Telescope (Eht). (Sky Tg24 )

Il buco nero Centaurus A, rispetto a quello della galassia M87, distante 55 milioni di anni luce dalla Terra e protagonista della foto del 2019, ha una massa inferiore. Come per la prima foto di un buco nero, anche in questo studio i ricercatori della collaborazione Eht hanno lavorato collegando fra loro diversi telescopi in tutto il mondo, in modo da ottenere un telescopio virtuale delle dimensioni della Terra, l'Event Horizon Telescope. (La Sicilia)

La nuova immagine mostra che il getto lanciato da Centaurus A è più luminoso ai bordi rispetto al centro. Sulla base di questa posizione, i ricercatori prevedono che osservazioni future a una lunghezza d’onda ancora più corta e a una risoluzione più elevata potrebbero consentire di fotografare il buco nero centrale di Centaurus A (Agenzia askanews)

Fotografato un buco nero in azione VIDEO

L’array TANAMI è composto da nove radiotelescopi situati in quattro continenti che osservano a lunghezze d’onda di 4 cm e 1,3 cm Questa survey monitora Centaurus A con la tecnica VLBI (Very Long Baseline Interferometry, interferometria a base molto ampia) a lunghezze d’onda centimetriche dalla metà degli anni 2000. (SardegnaDies)

Mentre in alcune di esse la formazione di nuove stelle è abbastanza veloce, in altre il tasso sembra essere inusitatamente basso, tanto da far apparire le galassie in cui si trovano come “quiescenti”. Non tutte le galassie hanno lo stesso tasso di nascita di nuove stelle. (Notizie scientifiche.it)

Da sinistra: l'immagine del getto del buco nero Centaurus A disponibile prima di quella ottenuta dalla collaborazione Eht (al centro); a destra il getto del buco nero M87 (fonte: Nature Astronomy). (Giornale di Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr