Scuola, Cts: “Il ritorno in classe è necessario. Mascherina dove distanziamento non è possibile”

Scuola, Cts: “Il ritorno in classe è necessario. Mascherina dove distanziamento non è possibile”
Telebari INTERNO

Infine raccomanda il distanziamento, ma dove questo non sia possibile, resta fondamentale mantenere le altre misure, a partire dall’uso delle mascherine di tipo chirurgico nei luoghi chiusi.

Il Comitato sostiene l’importanza di promuovere la vaccinazione nella scuola, tanto del personale scolastico quanto degli studenti.

Il Cts ritiene che tutto il personale scolastico debba essere vaccinato e fa una forte raccomandazione alla politica affinché ogni sforzo sia fatto per raggiungere un’elevata copertura vaccinale di docenti e non docenti, sia promuovendo delle campagne informative, sia individuando delle misure, anche legislative, appropriate, per garantire la più elevata soglia di persone vaccinate, in particolare in quelle Regioni nelle quali ci sono livelli inferiori di dosi somministrate

Il Comitato tecnico scientifico ritiene ‘assolutamente necessario’ dare priorità alla didattica in presenza per l’anno scolastico che partirà a settembre non solo per la formazione ma anche per lo sviluppo psicologico dei ragazzi. (Telebari)

Se ne è parlato anche su altri media

Ma dall’altra parte la variante Delta preoccupa moltissimo. Sarà un decreto a rendere obbligatorio il green pass per queste ultime ed è chiaro che chi non avrà ricevuto il ciclo vaccinale completo, verrà tagliato fuori. (Tecnica della Scuola)

Resta invariata la questione che, in caso di sintomi di infezione alle vie respiratorie del personale scolastico o degli studenti, bisognerà segnalare ciò all’Asl competente Il Comitato tecnico scientifico ritiene necessario dare priorità alla didattica in presenza per la formazione di qualsiasi ragazzino. (Notizie.it )

Lo spiega la vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti. (Prima Pavia)

Scuola, Cts favorevole: niente distanziamento per gli alunni vaccinati

È, dunque, essenziale, per evitare di dover rinunciare alla didattica in presenza, oltre che alle altre attività di socializzazione in ambiente scolastico, e nel contempo impedire che si generino focolai di infezione, promuovere la vaccinazione nella scuola, tanto del personale scolastico (docente e non docente), quanto degli studenti”. (Il Quotidiano Italiano - Nazionale)

LA QUESTIONE VACCINI. Il CTS si esprime sulla questione vaccini sottolineando tutto il personale scolastico debba essere vaccinato. A renderle pubbliche è ANSA, che ha ricevuto il verbale del CTS nel quale si anticipano alcune delle risposte alle domande poste dal Ministero dell’Istruzione al Comitato. (Oggi Scuola)

Le percentuali salgono e scendono ovviamente tra regione e regione, la situazione non è identica in tutta Italia. Ancora una volta il problema riguarda i ragazzi delle superiori che hanno trascorso l’ultimo anno di scuola tra presenza, poca, e distanza, troppa. (Il Messaggero)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr