Napoli, svelato il motivo della morte di Antonio all’Università: aveva mentito sugli esami

Napoli, svelato il motivo della morte di Antonio all’Università: aveva mentito sugli esami
Teleclubitalia.it INTERNO

È vero ci siamo allontanati, abbiamo preso strade diverse ma mai una discussione mai un litigio.

Era indietro con gli esami e aveva mentito alla propria famiglia.

Napoli, svelato il motivo della morte di Antonio all’Università: aveva mentito sugli esami. Il ragazzo di Torre del Greco era iscritto alla triennale, e secondo quanto ricostruito dai Carabinieri aveva sostenuto meno di dieci esami, raccontando una bufala ai familiari che credevano dovesse discutere la sua tesi di laurea. (Teleclubitalia.it)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Napoli, suicidio all’Università Federico II: morto ragazzo di 25 anni. La città di Napoli è ancora sotto shock per il suicidio avvenuto all’Università Federico II in via Porta di Massa nella mattinata di ieri, lunedì 19 luglio. (L'Occhio di Napoli)

Uno studente di 25 anni è caduto nel vuoto, da una altezza considerevole. A trovarlo all'interno del cortile di Lettere una guardia giurata, che ha chiamato i soccorsi. (NapoliToday)

Stamattina si è verificata una tragedia alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Federico II. I militari stanno accertando le cause della tragedia: le piste sono quella dell’incidente o del suicidio. (Internapoli)

Tragedia in facoltà, muore uno studente

I motivi che possano averlo spinto a compiere il gesto estremo non sono noti, gli studenti presenti in facoltà sono sotto choc TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Studente colto da malore a scuola, muore in ospedale. (Cronache della Campania)

Sul posto è atterrato l’elisoccorso ed è giunta un’ambulanza della Croce Rossa di Buccinasco, che ha trasportato il ferito in ospedale in codice giallo (MI-LORENTEGGIO.COM.)

Non è ancora chiaro se il ragazzo sia caduto per un incidente o se si sia trattato di un gesto volontario. Sul caso indagano i carabinieri (ROMA on line)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr