Blitz della Dda e Carabinieri su giro di scommesse illegali facente capo al clan dei casalesi. - Positanonews

Positanonews INTERNO

Se svolto in maniera lecita, il giro di scommesse avrebbe fatto confluire nelle casse dello Stato circa mezzo miliardo di euro

Tra gli indagati figurano anche persone ritenute dagli inquirenti della Procura di Salerno, guidata dal procuratore Giuseppe Borrelli, legate al clan dei Casalesi.

Ad alcuni destinatari dei provvedimenti cautelari, i reati vengono contestati con l’aggravante di averli commessi per agevolare proprio il clan dei Casalesi. (Positanonews)

Su altri giornali

GrandangoloAgrigento il sito online di notizie di Agrigento e della provincia. La cronaca, la mafia, gli omicidi, gli arresti, i processi, la politica, lo spettacolo, gli eventi e la cultura, lo sport, tutte le notizie prima di tutti (Grandangolo Agrigento)

Per i Carabinieri e la Procura di Salerno, le 33 persone arrestate in totale si occupavano di denaro sporco – più di 5 milioni di euro in due anni – riciclato attraverso un complesso sistema di scommesse, soprattutto quelle sportive e del gioco d’azzardo. (Tempo Stretto)

Siamo fieri di aggiungere ai 6 negozi già aperti sull’Isola questo nuovo punto di incontro per sportivi e sportive” dichiara Cristiano Riccardi, Area Manager di Decathlon Italia. Siglato il contratto che permetterà agli sportivi della zona di Palermo di accedere ai prodotti e servizi di Decathlon. (Sicilia Economia)

Fai clic qui per stampare (Si apre in una nuova finestra). Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra). Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra). (Cronache TV)

La cattura delle persone fuori dal territorio Nazionale è stata eseguita con il supporto del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, della Direzione Centrale Polizia Criminale - Ufficio esperto per la sicurezza in Romania, attraverso scambio info-operativo che ha coinvolto altresì il collaterale Romeno nella fase di localizzazione e cattura all'estero Scritto da (Redazione Costa d'Amalfi), martedì 11 gennaio 2022 15:26:06. (Il Portico News)

In due anni avrebbero incassato 5 miliardi di euro. Sequestrati anche tre milioni di euro, ritenuto provento delle attività illecite, riconducibili a Luigi Giuseppe Cirillo, figlio del defunto boss calabrese di Sibari, e ad altre persone ritenute dagli investigatori suoi prestanome. (Telemia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr