Sparatoria sulla Lequile-San Pietro in Lama, ucciso un uomo nei pressi del bancomat

Sparatoria sulla Lequile-San Pietro in Lama, ucciso un uomo nei pressi del bancomat
Leccenews24 INTERNO

Maggiori dettagli nelle prossime ore

Due colpi di pistola al petto non hanno dato scampo a Giovanni Caramuscio, freddato e ucciso nei pressi del bancomat di un noto istituto di credito sito sulla Lequile-San Pietro in Lama.

Stando alle prime ricostruzioni effettuate da alcuni testimoni presenti nelle vicinanze, Caramuscio, 69 anni di Monteroni di Lecce, direttore di banca in pensione, dopo aver compiuto un prelievo dallo sportello bancario, si stava dirigendo verso la propria autovettura dove ad attenderlo c’era la moglie, quando, sarebbe stato raggiunto da un uomo che avrebbe sparato al suo indirizzo alcuni colpi di arma da fuoco, alcuni dei quali rivelatisi fatali. (Leccenews24)

Su altri media

Perquisizioni in corso. LELE – Quel moto di ribellione alla prepotenza dei rapinatori è stato il certificato della sua condanna a morte. Il 69enne avverte la presenza alle spalle e si vede minacciato dai due individui armati di pistola e reagisce. (LeccePrima)

La pistola, una Beretta calibro 9 corto, con matricola abrasa è stata ritrovata a casa dell’uomo dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Lecce. C’era anche la pistola che aveva sparato e che Mecaj aveva tentato di nascondere all’interno di una pianta ornamentale (LecceSette)

La rapina finita male potrebbe non essere l’unica pista perseguibile dagli agenti che stanno indagando sull’omicidio di Giovanni Caramuscio, ex direttore di banca di 69 anni ora in pensione, che è stato freddato a colpi di pistola poco prima della mezzanotte di ieri mentre prelevava dei contanti da un bancomat di Lequile, sotto lo sguardo impotente della moglie che lo attendeva in macchina. (Il Quotidiano Italiano - Bari)

Omicidio Lequile, nel cellulare del 31enne spunta un video in cui si esercita con la pistola. Caccia al complice

In casa è stato trovato anche un caricatore Mecaj Paulin, 31 anni, nato a Valona ma residente a Lequile, fermato dai carabinieri perché ritenuto la persona che ha impugnato la pistola e ha sparato non era solo. (TeleRama News)

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati (quotidianodipuglia.it)

Fondamentale è stato il racconto drammatico della moglie del pensionato che era con lui negli ultimi istanti della sua vita. Il ragazzo ha raccontato di aver visto un uomo avvicinarsi ad un pozzo con una busta in plastica bianca che non aveva più con sé quando è tornato indietro. (Leccenews24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr