Myanmar: proteste in tutto il Paese. La giunta militare minaccia repressioni violente

Myanmar: proteste in tutto il Paese. La giunta militare minaccia repressioni violente
Più informazioni:
IL GIORNO ESTERI

Sin dalla mattina le principali arterie di Rangun, Naypyidaw, Mandalay e altre città sono state occupate dai manifestanti, che chiedono il ripristino della democrazia e il rilascio dei prigionieri politici.

Le marce sembrano ignorare, anzi sfidare la repressione della polizia, particolarmente violenta da qualche giorno e che sabato scorso è costata la vita a due manifestanti a Mandalay

In Myanmar, decine di migliaia di persone sono uscite in strada nelle principali città contro la giunta militare. (IL GIORNO)

Ne parlano anche altre fonti

Da giorni giovani manifestanti scendono in piazza per chiedere il ripristino della democrazia, nonostante le minacce e la legge marziale decretata dalla giunta militare Era stata colpita da un proiettile alla testa la scorsa settimana durante una protesta contro il colpo di Stato. (Italia Sera)

Facebook censura l'esercito in Myanmar (Birmania) dopo il golpe e la repressione: chiusa la pagina (Di domenica 21 febbraio 2021) Facebook ha chiuso l'account gestito dall'esercito del Myanmar (ex Birmania) in seguito al colpo di stato e alla repressione della manifestazioni da parte dei militari che ieri ha portato alla morte . (Zazoom Blog)

The use of lethal force, intimidation & harassment against peaceful demonstrators is unacceptable. — António Guterres (@antonioguterres) February 21, 2021. keystone-sda.ch / STF (LYNN BO BO) (Ticinonline)

Birmania: due manifestanti uccisi, uno è minorenne

LEGGI ANCHE > > > Arresto di Pablo Hasél: attacco alla redazione del Periódico de Catalunya. Il colpo è partito da una mitragliatrice. Mya Thwate Thwate Khaing had done nothing to deserve to be killed at age 20 other than believe in democracy for Myanmar Durante le proteste contro il golpe, un colpo di arma da fuoco la accasciò a terra: Mya è la prima vittima della repressione. (Yeslife)

Proseguono le proteste nel Paese mentre si svolge in gran segreto il processo alla leader del Myanmar Aung San Suu Kyi. Sono previste pene detentive e multe anche per coloro che incitano all’odio nei confronti dei leader del colpo di Stato. (Policymakermag)

- RANGOON, 20 FEB - Due manifestanti sono stati uccisi, di cui uno minorenne, e altri 30 sono stati feriti da colpi sparati dalle forze dell'ordine birmane in una manifestazione contro il golpe a Mandalay (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr