Eurovision, la prossima edizione si svolgerà a maggio a Torino

La Nuova Sardegna CULTURA E SPETTACOLO

Sconfitte, tra le altre città, Milano, Bologna, Rimini e Pesaro

Una «grande sfida per il nostro Paese», secondo l'amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes, mentre il supervisore esecutivo dell'Eurovision, Martin Ísterdahl, definisce quella della Mole «la città perfetta».

Il capoluogo piemontese, tra le 17 città candidate, è stato scelto per ospitare il più grande evento non sportivo al mondo, che torna in Italia dopo 31 anni grazie alla vittoria dei Maneskin. (La Nuova Sardegna)

Su altri media

«Abbiamo vinto, Torino ha vinto! Ma, ha aggiunto, «alla fine, ce l’abbiamo fatta anche questa volta: abbiamo portato a Torino l’evento musicale più seguito al mondo! (Gazzetta di Modena)

Ancora nessuna certezza sui conduttori: vari i nomi circolati in questi giorni, tra cui Alessandro Cattelan, Milly Carlucci, Mika e Chiara Ferragni Diverse erano le candidature: dopo Napoli nel 1965 e Roma nel 1991, la Rai ha scelto quale sarà la terza città in cui gareggeranno a colpi di note i migliori artisti europei. (SoloGossip.it)

Il capoluogo piemontese, tra le 17 città candidate, è stato scelto per ospitare il più grande evento non sportivo al mondo, che torna in Italia dopo 31 anni grazie alla vittoria dei Maneskin. Si svolgerà a Torino il prossimo Eurovision Song Contest. (Sky Tg24 )

Semifinali e finale si svolgeranno al PalaOlimpico il 10, 12 e 14 maggio 2022. L’annuncio era attesissimo e da tempo stava circolando una certa insofferenza tra i fans dell’Eurovision Song Contest che volevano iniziare a organizzarsi con grande anticipo. (Indiscreto)

A Torino, è già boom di turisti grazie all’effetto Eurovision Song Contest, il prestigio appuntamento assegnato al capoluogo del Piemonte che ha superato città importanti per l’organizzazione di eventi musicali come Milano e Bologna (torinonews24.it)

Prima di tutto c’è da fare una valutazione dei costi: un Eurovision Song Contest costa circa una ventina di milioni di euro. Anche la Danimarca arrivò a 41 milioni, ma perché furono commessi degli errori di progettazione nella riconversione in arena della B&W Hallerne. (CorrierePL)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr