Mps, Alessandro Profumo e Fabrizio Viola condannati a 6 anni di reclusione

Mps, Alessandro Profumo e Fabrizio Viola condannati a 6 anni di reclusione
QuiFinanza QuiFinanza (Economia)

231/2001), a Monte dei Paschi di Siena è stata infatti inflitta una sanzione di 800 mila euro, oltre al pagamento delle spese processuali insieme agli altri imputati.

Chiamata in causa anche la banca. Indenne da questo processo non è uscita nemmeno la banca.

Tra gli altri condannati anche Paolo Salvadori, l’ex presidente del collegio sindacale che adesso dovrà scontare una pena pari a tre anni e sei mesi per false comunicazioni sociali. (QuiFinanza)

La notizia riportata su altri giornali

Oltre ai sei anni e alla sanzione pecuniaria di 2.5 milioni ciascuno, Profumo e Viola sono stati condannati anche alle pene accessorie di rito, tra cui 5 anni di interdizione dai pubblici uffici e due anni di interdizione dagli uffici direttivi di imprese. (SienaFree.it)

L’accusa era di false comunicazioni sociali e manipolazione informativa (aggiotaggio) per la contabilizzazione dal 2012 alla semestrale 2015 di derivati per 5 miliardi presentati a bilancio come BTp. Alla luce della condanna ricevuta, ci aspettiamo che Alessandro Profumo, nell’interesse dell’azienda, rimetta il mandato da Ad di Leonardo. (Il Fatto Quotidiano)

Mps ha invece ricevuto una sanzione pecuniaria da 800mila euro e dovrà rispondere in solido dei danni alle parti civili. LA REAZIONE DELLA DIFESA – Per l’avvocato della difesa Adriano Raffaelli, la doppia condanna di Profumo e Viola è “sbagliata”. (Il Riformista)

Mps, gli ex vertici Viola e Profumo condannati a sei anni

Forti vendite su Leonardo mentre scoppia bagarre politica su Profumo Profumo è stato condannato in primo grado a sei anni di reclusione in qualità di ex presidente Mps per il reato di aggiotaggio e false comunicazioni sociali. (Il Sole 24 ORE)

Il tribunale li ha ritenuti responsabili dei capi di imputazione B e C, cioè false comunicazioni sociali relative alla semestrale del 2015 e aggiotaggio. L’accusa era di false comunicazioni sociali e manipolazione informativa (aggiotaggio) per la contabilizzazione dal 2012 alla semestrale 2015 di derivati per 5 miliardi presentati a bilancio come BTp. (Il Fatto Quotidiano)

Richiesta anche l'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici di Viola e Profumo e due anni di interdizione dalla contrattazione con la pubblica amministrazione e dalla rappresentanza delle società. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr