Pechino contro Alibaba: maxi-multa da 3 miliardi (e altro colpo a Jack Ma)

il Giornale ECONOMIA

Un manifesto che è costato caro a Ma, che dall'autunno è quasi scomparso dalle scene e da gennaio totalmente.

Uno schiaffo da 18,23 miliardi di yuan.

Poi l'avvio dell'inchiesta per pratiche monopolistiche da parte di Alibaba, che era costato al colosso di Hangzhou un immediato deprezzamento delle quotazioni azionarie.

Domani però i vertici di Alibaba diranno la loro nel corso di una conference call a questo punto molto attesa

La Cina sanziona così il suo imprenditore più famoso, Jack Ma, fondatore e presidente di Alibaba, la più importante piattaforma di e-commerce del Paese, un colosso che nel 2019 ha fatturato 455,7 miliardi di yuan (58,2 miliardi di euro). (il Giornale)

Ne parlano anche altre testate

Una serie di provvedimenti iniziati a seguito di alcune dichiarazioni considerate sconvenienti da parte del proprietario Jack Ma nei confronti dell'economia cinese e che ha portato adesso a una nuova una maxi-multa da 2,78 miliardi di dollari per abuso di posizione dominante. (Corriere dello Sport.it)

L’azienda di Jack Ma era già stata avvisata mesi fa, quando la quotazione (record) a Hong Kong di Ant Financial era stata bloccata. Troppo ricche, troppo potenti, troppo pericolose: da tempo il partito comunista cinese ha preso di mira le piattaforme, in particolare Alibaba. (Il Manifesto)

La State Administration for Market Regulation (SAMR), ovvero l’autorità antitrust cinese, ha inflitto una multa di 18,2 miliardi di yuan (circa 2,8 miliardi di dollari o 2,3 miliardi di euro) ad Alibaba per abuso di posizione dominante e quindi per violazione della legge contro i monopoli. (Punto Informatico)

Il colosso cinese dell’e-commerce, Alibaba, è stato sanzionato con una multa gigantesca. “L’Amazon di Pechino” dovrà infatti versare nelle casse dell’erario ben 18.2 miliardi di yuan, che al cambio fanno 2.78 miliardi di dollari. (Computer Magazine)

"Abbiamo una comunicazione continua con i regolatori", ha proseguito Zhang, aggiungendo che la società "rispetterà pienamente" i requisiti. Il gruppo ha promesso di abbassare i costi operativi per i commercianti sulle sue piattaforme. (AGI - Agenzia Italia)

3' di lettura. La supermulta dell'Antitrust ad Alibaba è solo un assaggio dei costi enormi che il gigante cinese dell’e-commerce, al pari degli altri colleghi del settore, dovrà sostenere. Le autorità di controllo, dal punto di vista della gestione del rischio, hanno considerato necessario incoraggiare più piattaforme internet e più istituzioni finanziarie, promuovendo in tal modo anche la concorrenza sul mercato (Il Sole 24 ORE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr