Tour de France, van Aert vola nella crono. Pogacar non rischia e sigilla il suo trionfo

Tour de France, van Aert vola nella crono. Pogacar non rischia e sigilla il suo trionfo
La Repubblica SPORT

Tour, Pogacar sotto accusa.

> . Pogacar attento a non correre rischi. Quello che lo è più di tutti è Tadej Pogacar.

Van Aert lo sfiderà, poi punterà dritto su Tokyo per correre sia la prova in linea che la crono, Van der Poel invece si concentrerà olo sulla mountain bike

Forse per questo, Asgreen ha sperato fino all’ultimo in un cedimento di van Aert.

.ma van Aert è più forte e ora punta Parigi (La Repubblica)

Ne parlano anche altre testate

Il belga ha superato il danese Kasper Asgreen e il suo compagno di squadra, il danese Jonas Vingegaard, secondo in classifica generale alla sua prima partecipazione alla Grande Boucle. Sabato 17 Luglio 2021, 18:39 - Ultimo aggiornamento: 18:43. (ilmessaggero.it)

Dimenticavo, nella crono va piano, molto piano, arriva “solo” 8°, ad oltre 50 di media. Anche oggi deve subire una brutta battuta d’arresto, proprio come a Laval dove fu costretto ad arrendersi a Pogacar per 19”. (TUTTOBICIWEB.it)

Si tratta de la Cote de Gres al chilometro 7.4 di un percorso che si concluderà con il classico circuito di Parigi da percorrere otto volte. Parigi, 17 luglio 2021 – Il Tour de France 2021 ha incoronato Tadej Pogacar su Vingegaard e Carapaz, ma c’è ancora un’ultima tappa (la numero 21) e vale soprattutto per la maglia verde. (Quotidiano.net)

POGACAR. «QUESTO TOUR È STATO DIFFICILE, MA IO CONTINUO A DIVERTIRMI»

Il belga in questo Tour aveva stupito e lo aveva fatto in montagna, in una tappa dove era riuscito (TUTTOBICIWEB.it)

Wout van Aert velocissimo. La cronometro, corsa sotto il sole estivo tra le reputate vigne del Libournais e di Saint Emilion, ha lasciato invariato l’ordine dei primi dieci della generale. Wout van Aert, già vincitore della tappa del Ventoux durante la seconda settimana di gare, il 7 luglio, si è imposto per la quinta volta al Tour, ma per la prima volta in una cronometro. (Corriere del Ticino)

Non mi piacciono i paragoni e voglio essere solo me stesso”. Per me è stato molto bello vederlo, con lui c’è un rapporto speciale nato quando ho iniziato a correre in questa squadra. (TUTTOBICIWEB.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr