La presidente della Croce Rossa di Cagliari: "Brava Natalia a denunciare, siamo tutti con te"

La presidente della Croce Rossa di Cagliari: Brava Natalia a denunciare, siamo tutti con te
Casteddu Online INTERNO

Una doppia violenza subita, come donna e, come volontaria della Croce Rossa per la violenza subita anche per la divisa che indossava, in un momento come quello della pandemia di Covid-19 in cui il volontariato, tra l’altro, mette a repentaglio la propria incolumità per essere accanto ai più vulnerabili”.

“Brava Natalia per aver reagito, denunciato, ed per aver condiviso la tua esperienza senza paura di esporti. (Casteddu Online)

Se ne è parlato anche su altri media

La svolta in un vicolo di via Cornalias per poter, poi, raggiungere la mensa di via Sulcis, l’aggressione, il palpeggiamento, la “lotta” contro l’aggressore e la fuga verso via Quirra. Continuerò a fare la mia vita normale, quanto accaduto non mi fermerà, forse avrò un ‘arricchimento’ in più, in negativo. (Casteddu Online)

Si trattava di un luogo angusto e malsano per tutti coloro che vi erano in obbligo o in dovere di entrarvi. Nell’aprile del 1652 la peste arrivò in Sardegna ad Alghero, importata da una nave carica di mercanzie partita dalla Catalogna dove era in atto un’epidemia di peste bubbonica. (vistanet)

La studentessa è riuscita a fuggire, raggiungendo prima la stazione dei carabinieri e poi il Pronto soccorso dove è stata refertata. Una volontaria della Croce rossa italiana, studentessa all'Università di Cagliari, Natalia Vacca Ferrai, 21 anni, è stata aggredita e molestata da un uomo mentre raggiungeva la mensa dell'ateneo. (Ansa)

“Basta violenza contro le donne”, a Cagliari sit-in di solidarietà per Natalia aggredita in via Cornalias

La studentessa è riuscita a fuggire, raggiungendo prima la stazione dei carabinieri e poi il Pronto soccorso dove è stata refertata. La studentessa stava raggiungendo la mensa universitaria dopo aver finito il turno alla Croce rossa. (La Nuova Sardegna)

Lo scrive sulla sua pagina Facebook la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura (Pd), commentando l’aggressione subita a Cagliari da una studentessa universitaria, che poi ha denunciato ai carabinieri e pubblicamente il fatto, precisando che “tante ragazze hanno vissuto la stessa situazione, sempre nella stessa zona” Siamo in tante, e siamo sempre dalla parte delle donne che denunciano, che non si arrendono al silenzio complice, che si ribellano all’aggressione anche morale di una società che non la smette di guardarci come oggetti da violare. (Casteddu Online)

Non possiamo tollerare che la strada che ci porta all’Università sia teatro di agguati e violenze. L’appuntamento è previsto per sabato 22 gennaio alle 18, 30 in via Cornalias. (Casteddu Online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr