Coronavirus: Spagna, 1.525 casi in 24 ore – Liberta.it

Coronavirus: Spagna, 1.525 casi in 24 ore – Liberta.it
Libertà Libertà (Esteri)

Le comunità più colpite sono quelle di Madrid e dell’Aragona rispettivamente con 372 e 511 nuovi malati .

Lo riporta El Pais citando fonti del ministero della Sanità.

. . – ROMA, 31 LUG – Balzo in avanti dei nuovi casi di coronavirus in Spagna: 1.525 contagi nelle ultime 24 ore.

La notizia riportata su altri giornali

Il Messico è diventato invece il terzo paese al mondo in termini di decessi correlati al coronavirus oltrepassando quota 46mila, dietro a Stati Uniti e Brasile. Venerdì le autorità locali hanno riferito di 627 nuovi casi confermati e otto morti, il secondo numero più alto dopo il record registrato il giorno prima, di 723 contagi. (Il Fatto Quotidiano)

Circa 300 casi in più rispetto a ieri e un nuovo record dalla fine dello stato di emergenza. Come ha fatto a suo tempo Bergamo, insomma, nemmeno Barcellona (e la Catalogna e la Spagna) si ferma. (IlNapolista)

L’età media dei contagiati si è abbassata e, tra i 15 e i 44 anni d’età, i casi sono aumentati del 70% in una settimana in Francia. La Spagna segnala 1.525 nuovi positivi nell’arco di 24 ore, l’aumento più massiccio in un giorno dalla fine dello stato d’allerta. (Corriere della Sera)

Il Messico è diventato invece il terzo paese al mondo in termini di decessi correlati al coronavirus oltrepassando quota 46mila, dietro a Stati Uniti e Brasile. Rimane alto anche il numero di casi in Germania, che nell’ultima giornata ne ha contati 870 con 7 decessi, secondo le informazioni fornite dall’Istituto Robert Koch. (Il Fatto Quotidiano)

Dato l'aumento dei casi, la Germania ha incluso la Catalogna, l'Aragona e la Navarra nell'elenco delle aree a rischio, mentre la Slovenia ha imposto una quarantena ai viaggiatori da Valencia, Catalogna, Paesi Baschi, Aragona e Navarra. (La Stampa)

- ROMA, 31 LUG - Balzo in avanti dei nuovi casi di coronavirus in Spagna: 1.525 contagi nelle ultime 24 ore. Lo riporta El Pais citando fonti del ministero della Sanità. (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr