Draghi blinda la riforma Cartabia: "Aperti solo a migliorie tecniche"

Il Dubbio INTERNO

Draghi, rispondendo ad una domanda di un giornalista, ha specificato «c’è tutta la buona volontà di accogliere emendamenti che siano di carattere tecnico e non stravolgano l’impianto della riforma e siano condivisi.

L’ufficio di presidenza della Commissione Giustizia ha convocato una seduta per oggi, dedicata solo alle ammissibilità dei sub-emendmenti agli emendamenti del governo

Qualora ci fossero miglioramenti tecnici anche importanti noi siamo aperti, molto aperti, qualora ci fossero servirà un nuovo passaggio in consiglio dei ministri». (Il Dubbio)

Su altre testate

Questa è solo una delle tante critiche mosse alla riforma del processo penale firmata Cartabia da parte del procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri che, tranchant, aveva affermato «Sarà più conveniente delinquere». (Studio Cataldi)

Ovvero, a seguito delle richiesta della Guardasigilli ha diritto di esprimere un parere sull’intera riforma del processo penale. La prima, in ordine di tempo, ha coinvolto l’attuale Consiglio Superiore della Magistratura. (ilmattino.it)

A meno che non vi sia non solo un’adunanza straordinaria del Csm in plenaria ad agosto ma anche una indefessa attività degli uffici, nottetempo Il peso del Quirinale, entrato in quella blindatura tutta particolare che gli conferisce il Semestre bianco, controbilancia tutti i mal di pancia con cui fino a ieri l’Anm prima e il Csm poi avevano tentato la zampata. (Il Riformista)

Oltre al fatto che, afferma, “Falcone e Borsellino si saranno girati tre volte nella tomba a sentire questo tipo di riforma”. L’idea di fondo è quella di superare il “grave problema” – come l’ha definito la ministra Cartabia – dell’eccessiva durata dei processi (Zoom24.it)

Infine, conclude Cartabia, «La riforma non è solo della prescrizione ma è riforma complessiva per limitare la durata dei processi, dobbiamo ridurli del 25% come promesso dal PNRR. RIFORMA GIUSTIZIA/ "Terrorismo psicologico contro Cartabia, è la vendetta dei pm". (Il Sussidiario.net)

di Antonella Coppari Mattarella si sottrae al ricatto di quanti lo vorrebbero schiacciato pro o contro un singolo punto della riforma: la prescrizione. Il presidente della Repubblica scrive al vicepresidente, David Ermini, chiedendo "di posticipare di qualche giorno la discussione in modo che il consiglio si esprima sul complesso del testo" (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr