La Commissione boccia l'adeguamento italiano della direttiva Sup

La Commissione boccia l'adeguamento italiano della direttiva Sup
EconomiaCircolare.com INTERNO

Leggi anche: Dubbi, critiche e (pochi) pareri positivi: fa discutere l’adeguamento italiano alla direttiva Sup

Pertanto, tale plastica biodegradabile è considerata come qualsiasi altra plastica“.

“La direttiva Sup non prevede alcuna eccezione per la plastica biodegradabile – scrive in maniera esplicita il commissario Breton -.

Leggi anche: “La direttiva Sup considera il mare una discarica”.

Da oggi è in vigore il recepimento italiano della direttiva Sup, la normativa comunitaria del 2019 che punta alla “riduzione dell’incidenza di determinati prodotti di plastica sull’ambiente”. (EconomiaCircolare.com)

Ne parlano anche altri giornali

Per i trasgressori sono previste multe fino a 25mila euro. – L’Italia dice basta alla plastica monouso. (Livesicilia.it)

L’Italia ha inoltre escluso dall’ambito di applicazione della direttiva i prodotti dotati di rivestimento in plastica con un peso inferiore al 10 per cento dell’intero prodotto Le associazioni ambientaliste esprimono soddisfazione lamentando però anche il ricorso a ‘escamotage’ all’italiana per edulcorare il divieto. (News Rimini)

Tuttavia, il recepimento italiano si discosta in parte dalla direttiva europea: il nostro Decreto, infatti, prevede l’esenzione per gli articoli monouso in plastica biodegradabile e compostabile conforme allo standard europeo UNI EN 13432 L’obiettivo principale è quello di ridurre l’inquinamento da plastica nei mari e negli oceani: oggi, infatti, circa 80% dei rifiuti rinvenuti nelle spiagge europee è costituito da plastica e il 50% dei rifiuti marini da plastiche monouso. (Ok Salute e Benessere)

Plastica monouso, da oggi stop in Italia: cosa prevede la legge

Come si legge, il “prodotto di plastica monouso” è quello “realizzato interamente o parzialmente in plastica, a eccezione del prodotto realizzato in polimeri naturali non modificati chimicamente” addio a diversi prodotti di plastica usa e getta. (greenMe.it)

La maggior parte delle volte, neanche a dirlo, si tratta di plastica e infatti, secondo svariate ricerche e analisi, è emerso che il 50% dei rifiuti che si trovano in mare sono plastiche monouso e l’80% sono oggetti di plastica comune. (ViaggiNews.com)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Mascherine FFP2, il corretto utilizzo: la spiegazione del virologo. Plastica monouso, consentito l’uso in magazzino: le sanzioni e il no delle organizzazioni green. Ad essere messa al bando non è la plastica in sé perché è consentito (e privilegiata) quella sostenibile e riciclata. (Ck12 Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr