Carola Rackete accusa la Ue: "calpesta i diritti umani sfruttando il coronavirus"

Carola Rackete accusa la Ue: calpesta i diritti umani sfruttando il coronavirus
Sputnik Italia Sputnik Italia (Esteri)

pic.twitter.com/J41ErgGqag — Carola Rackete (@CaroRackete) June 29, 2020. ​"Il razzismo strutturale è un problema tanto nell'Ue quanto negli Stati Uniti.

Secondo Carola, i Paesi europei "trascurano i diritti umani e smettono di rispettare la legge del mare" grazie all'emergenza coronavirus.

Ne parlano anche altri giornali

Ci deve essere uguaglianza e libertà per tutti, per vivere e muoversi senza paura per la propria vita» ma «fino a quando ciò non diventerà realtà, il salvataggio in mare civile continuerà». Annegano perché l'Ue vuole che anneghino, spaventando coloro che potrebbero tentare di attraversare. (La Stampa)

(Afp). ''Il razzismo strutturale è un problema tanto nell'Ue quanto negli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il capitano Carola Rackete alla Dpa commentando il movimento 'BlackLivesMatter'. (Adnkronos)

Annegano perché l'Europa nega loro l'accesso a rotte sicure e non lascia altro che rischiare la vita in mare. E nessuno sarebbe entrato in una simile barca, a meno che non fosse più sicuro della costa”. (Fanpage.it)

Intanto arriva l’appello di Carola Rackete, capitana della Sea Watch: tutti i morti nel Mediterraneo “annegano perché l’Ue vuole che anneghino, spaventando coloro che potrebbero tentare di attraversare”. (MeteoWeek)

E lancia il grido di battaglia: «Come cittadini europei, dobbiamo interrompere questa politica! L'eroina delle Ong estremiste non ha dubbi: «Il razzismo strutturale è un problema tanto nell'Ue quanto negli Stati Uniti (ilGiornale.it)

Oggi all'alba la Mare Jonio ha salvato 43 persone, tra cui donne e minori, a circa 40 miglia a Nord di Zuara. L'inquadramento persistente di me e di altri volontari di salvataggio nel Mediterraneo come eroi è una narrazione profondamente problematica. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr