WhatsApp Web: finalmente battuto Telegram con questo aggiornamento

WhatsApp Web: finalmente battuto Telegram con questo aggiornamento
Tecnoandroid SCIENZA E TECNOLOGIA

Riuscire a mantenersi in contatto è essenziale al giorno d’oggi.

WhatsApp Web dice addio agli smartphone. Addio smartphone per una versione Desktop di WhatsApp che da questo momento garantisce non solo il nuovo strumento archivio e foto mono-visibili ma anche la contemporaneità di utilizzo su più PC.

C’è ancora la crittografia dei messaggi, troviamo gli stati, foto, video, documenti, audio, musica, GIF e sticker a gogò

Cosa che si applica tanto nel privato che nella sfera del lavoro dove WhatsApp Web è diventato uno strumento centrale della quotidianità professionale. (Tecnoandroid)

Su altre testate

WHATSAPP, IL TRUCCO PER MANDARE MESSAGGI INVISIBILI: BASTA UN COPIA-INCOLLA. POTREBBE INTERESSARTI → Whatsapp non avrà più segreti con WAMR per recuperare tutti i messaggi cancellati dagli altri. Come vi abbiamo scritto in apertura, oggi vogliamo parlarvi del trucco per i messaggi invisibili, un piccolo segreto che è stato svelato nelle scorse ore dagli amici di Esquire. (Computer Magazine)

Nell’immagine sottostante potete vedere un assaggio degli sticker che vi attendo dentro a questa nuova collezione. Apple Pay permetterà di fare acquisti a rate. Il pacchetto di sticker I Love Emojis è già disponibile sia per dispositivi Android che iOS, in tutti i paesi. (MobileWorld)

Grazie a Whatsapp potrete conoscere finalmente la verità. L’app gratis e legale per spiare il vostro partner. Inutile negarlo, prima o poi capita a tutti di essere curiosi di ciò che il proprio partner fa sui social o su Whatsapp. (ContoCorrenteOnline.it)

Il trucco per scoprire chi ti ha bloccato su WhatsApp

Come provare la beta multi-dispositivo di WhatsApp. La funzione multi-dispositivo è per ora in fase beta per permettere a WhatsApp di testare inizialmente l’esperienza con un piccolo gruppo di utenti Whatsapp è entrata nel dettaglio di come funziona la modalità multi-dispositivo, che permette di usare l’account di chat su diversi dispositivi senza che sia necessaria una connessione diretta allo smartphone. (iGizmo.it)

Tale informativa non appare pertanto idonea a consentire agli utenti di WhatsApp la manifestazione di una volontà libera e consapevole”. Attualmente, quindi, WhatsApp sembra attaccata da più fronti e saranno le prossime settimane a chiarire meglio le conseguenze delle azioni portate avanti contro la quest’ultima (Tom's Hardware Italia)

Ma c'è un ultimo passaggio per esserne certi: proviamo a chiamare (sempre tramite WhatsApp) il nostro contatto di cui non vediamo né immagine né ultimo accesso. Controlliamo, e se l'immagine la vediamo allora certamente non siamo stati bloccati. (esquire.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr