Iscrizione contemporanea a due corsi universitari: ecco a quali sarà possibile dal prossimo anno accademico

Iscrizione contemporanea a due corsi universitari: ecco a quali sarà possibile dal prossimo anno accademico
Orizzonte Scuola INTERNO

Nel caso di iscrizione a due corsi a numero programmato locale, lo studente deve essere collocato in posizione utile nelle graduatorie di entrambi i corsi.

Articolo 4 Modalità di agevolazione della iscrizione contemporanea. 1

Per la contemporanea iscrizione ad un corso di dottorato di ricerca e ad un corso di specializzazione medica, si applica l’articolo 7 del d.m.

Per quali corsi non vale la doppia iscrizione. (Orizzonte Scuola)

Su altri media

A questo decreto ne seguiranno altri due, per stabilire i criteri che dovranno essere seguiti per l’iscrizione contemporanea a due corsi universitari ad accesso programmato a livello nazionale, come medicina e psicologia per fare un esempio, e per facilitare la doppia iscrizione ai corsi di alta formazione artistica, musicale e coreutica. (Ministero dell'Università e della Ricerca)

È stato pubblicato il decreto n. 930 del 29 luglio 2022 del ministro dell'Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, che ha disciplinato le modalità per facilitare la contemporanea iscrizione degli studenti a due diversi corsi di laurea, di laurea magistrale o di master, con l'eccezione dei corsi di specializzazione medica, anche presso più università, scuole o istituti superiori a ordinamento speciale a partire dal prossimo anno accademico 2022-2023. (LaC news24)

"Con l'introduzione della doppia laurea, resa possibile grazie a questo primo decreto attuativo, abbiamo disegnato un sistema della formazione più flessibile, già dal prossimo anno accademico", ha spiegato il ministro Messa aggiungendo: "Abbiamo superato rigidità e vincoli normativi a favore di una formazione trasversale che risponda alle necessità dei giovani di oggi". (L'Unione Sarda.it)

Doppia laurea, pubblicato primo decreto per le iscrizioni dal 2022/2023. Messa: “Formazione più flessibile e trasversale”

«Abbiamo superato rigidità e vincoli normativi a favore di una formazione trasversale che risponda alle necessità dei giovani di oggi», ha aggiunto la ministra che poi, ringraziando il Parlamento per la sua collaborazione, ha sottolineato: «Mi auguro continui, in futuro, il percorso, già tracciato, di riforma dell'università». (Il Sole 24 ORE)

“Con l’introduzione della doppia laurea, resa possibile grazie a questo primo decreto attuativo, abbiamo disegnato un sistema della formazione più flessibile, già dal prossimo anno accademico“, ha spiegato la ministra Maria Cristina Messa. (Salernonotizie.it)

Come abbiamo già riportato, si tratta di una possibilità che si concretizzerà sicuramente già dal prossimo anno accademico 2022-2023. 7 si limita, infatti, a prevedere delle condizioni per la frequenza congiunta dei due corsi. (Tecnica della Scuola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr