L'incidente del minibus a Capri potrebbe essere stato causato da un malore dell'autista - ilNapolista

IlNapolista INTERNO

Nell’incidente sono rimaste ferite 23 persone e l’autista del bus, Emanuele Melillo, 33 anni, napoletano, è morto.

«Abbiamo visto la sua testa oscillare a destra e a sinistra, poi il crollo».

Al di là della causa dell’incidente, resta da capire come mai la barriera di metallo abbia ceduto così in fretta.

Barriera che ha ceduto, causando la caduta del mezzo, che si è poi incastrato sulla passerella sul retro delle cabine del lido. (IlNapolista)

La notizia riportata su altre testate

La tragedia avvenuta stamattina a Capri ha fatto rapidamente il giro del web: c’era Emanuele alla guida del minibus precipitato sul lido. TRAGEDIA CAPRI: Si chiamava Emanuele Melillo il giovane autista alla guida del minibus precipitato nel vuoto questa mattina a Marina Grande. (Napoli.zon)

Di lì, tempo una ventina di minuti, sarebbero passati i bambini per guadagnare l’uscita alla fine dell’ora «Penso che San Costanzo ci abbia fatto la grazia - spiega Leonardo Rusciano - quel vialetto su cui è precipitato il bus è la strada d’accesso alla nostra spiaggia. (leggo.it)

Bus precipita a Capri, un morto e 23 feriti. Il minibus ieri mattina era più affollato del solito perché la funicolare era stata chiusa per un guasto tecnico. Capri, bus precipita da strada, morto e feriti. (Fanpage.it)

In queste ora si sta lavroando alla rimozione del mezzo. Ecco il video ripreso da una telecamera di sorveglianza del momento in cui il minibus di Capri precipita a Marina grande. (Il Messaggero)

Emanuele Melillo, purtroppo, è morto. Di certo Emanuele Melillo, quando si è reso conto di stare male, non ha avuto il tempo di chiedere aiuto a nessuno (ilGiornale.it)

Il minibus sbanda, sfonda una ringhiera di protezione della carreggiata e precipita nel vuoto finendo nello stabilimento balneare Le Ondine di Capri. Forse la causa dell’incidente è stata un malore accusato dall’autista 33enne Emanuele Melillo, che ha perso la vita nell’impatto. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr