Leonardo cade in Borsa dopo la sentenza Mps

Leonardo cade in Borsa dopo la sentenza Mps
Money.it Money.it (Economia)

Le azioni Leonardo hanno perso fino al 3% all’apertura di Piazza Affari.

Le azioni Leonardo, comunque, restano sotto i riflettori a Milano, alla luce anche delle prime reazioni politiche piuttosto avverse a Profumo.

Azioni Leonardo in frenata a Piazza Affari. Leonardo fa i conti con la novità della condanna di Profumo per le vicende in Mps.

Previsioni ottimistiche su Leonardo. La novità della condanna di Profumo non sta intaccando le previsioni ottimistiche degli analisti sulle prossime performance in Borsa di Leonardo. (Money.it)

Ne parlano anche altri giornali

Il tribunale li ha ritenuti responsabili dei capi di imputazione B e C, cioè false comunicazioni sociali relative alla semestrale del 2015 e aggiotaggio. L’accusa era di false comunicazioni sociali e manipolazione informativa (aggiotaggio) per la contabilizzazione dal 2012 alla semestrale 2015 di derivati per 5 miliardi presentati a bilancio come BTp. (Il Fatto Quotidiano)

Alla luce della condanna ricevuta, ci aspettiamo che Alessandro Profumo, nell’interesse dell’azienda, rimetta il mandato da Ad di Leonardo. Per gli analisti di Equita, invece, "le questioni legali non hanno impatti su cariche e strategia". (la Repubblica)

Le assemblee di Eni e dell'allora Finmeccanica, invece, bocciarono i requisiti di onorabilità rafforzati che avrebbero di fatto reso removibile un amministratore in caso di 'semplice' inchiesta. (la Repubblica)

Mps, ecco perché Profumo e Viola sono stati condannati

Mps, Profumo e Viola condannati a 6 anni per falso in bilancio a aggiotaggio. Sono stati condannati a sei anni di reclusione dalla seconda sezionde del Tribunale di Milano, Alessandro Profumo e Fabrizio Viola finiti sotto processo in qualità di ex presidente ed ex ad di Mps in un filone dell'indagine sulla banca senese. (SienaFree.it)

Il tribunale li ha ritenuti responsabili dei capi di imputazione B e C, cioè false comunicazioni sociali relative alla semestrale del 2015 e aggiotaggio. Profumo e Viola sono anche indagati per false comunicazioni sociali e manipolazione informativa per la contabilizzazione dei crediti deteriorati. (Il Fatto Quotidiano)

La seconda sezione del Tribunale di Milano, presieduta dalla giudice Flores Tanga ha anche stabilito che l’ex amministratore delegato Fabrizio Viola dovrà scontare 6 anni. Tutti i dettagli. Tegola giudiziaria su Viola e Profumo per il loro passato in Mps. (Startmag Web magazine)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr