Caos 5 Stelle: sale a 40 il numero degli espulsi 'ribelli'. Ma probiviri prendono tempo

Caos 5 Stelle: sale a 40 il numero degli espulsi 'ribelli'. Ma probiviri prendono tempo
Più informazioni:
TG La7 INTERNO

Salgono a 40 i parlamentari espulsi dai gruppi di Camera e Senato.

Il regolamento, a quanto sembra, non renderebbe automatica l’espulsione anche dal Movimento, perché qualsiasi decisione disciplinare (sempre da regolamento) deve essere fatta passare attraverso il comitato dei probiviri.

Il numero degli malpancisti espulsi valgono, potenzialmente, un nuovo gruppo autonomo nei rispettivi rami del Parlamento (magari con il simbolo Idv al Senato)

politica. (TG La7)

La notizia riportata su altre testate

(Adnkronos) - "Queste sono le ultime considerazioni che mi riservo di esprimere riguardo al momento attraversato dal MoVimento 5 Stelle, perché credo si debba smetterla di guardarci allo specchio, di commiserarci. (LiberoQuotidiano.it)

AgenPress – “L’espulsione dal movimento deve essere istruita e accolta dai probiviri ed essere ratificata con un voto on line. Se il movimento è nato per cambiarlo, ora gli stiamo rendendo un servizio” (Agenpress)

"Sono fuori dal gruppo del Senato ma non del M5s, c'è una decisione" che devono prendere i probiviri e poi deve essere ratificata on line", quando la procedura sarà conclusa allora si portà dire che sono fuori". (AGI - Agenzia Italia)

Le espulsioni tra i senatori 5 Stelle non piacciono ai deputati siracusani. Zito e Pasqua: "riflettiamo, siamo una famiglia" - Siracusa News

Ovviamente non è così perché l’articolo 67 della Carta garantisce che ogni onorevole possa votare senza vincolo di mandato alcuno. Questo era il nuovo testo della Costituzione, proposto dai 5 Stelle: «Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni con il vincolo di mandato popolare. (L'Espresso)

“L’avvocato degli italiani” aveva quindi tracciato la linea per i “portavoce” e gli attivisti 5 Stelle: “transizione ecologica, transizione digitale, equità sociale”. Nel mentre si intasano le chat dei No Berlusconi, leggasi No Draghi. (Il Sussidiario.net)

Non si calmano le fibrillazioni nel Movimento 5 stelle dopo il voto di fiducia al governo Draghi con il capo politico Vito Crimi che fa sapere che “i 15 senatori che hanno votato no alla fiducia saranno espulsi. (Siracusa News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr