Scambia la moglie per un cinghiale e le spara: donna ferita alla spalla con un colpo di fucile

Scambia la moglie per un cinghiale e le spara: donna ferita alla spalla con un colpo di fucile
La Stampa INTERNO

I carabinieri della compagnia di Agropoli, agli ordini del capitano Fabiola Garello, hanno appurato che l'arma dalla quale è partito il colpo era detenuta legalmente.

A spararle è stato il marito 70enne che, tradito anche dall'oscurità, pensava - ha spiegato agli investigatori - si trattasse di un cinghiale entrato nell'orto.

Tragedia sfiorata nel Salernitano dove una donna è stata ferita a una spalla con un colpo di fucile mentre si trovava nell'orto della sua abitazione nella frazione Giungatelle di Montecorice (La Stampa)

Ne parlano anche altre fonti

L'uomo, 70 anni, secondo le prime ricostruzioni avrebbe sparato convinto di mirare ad un cinghiale entrato nell'orto. La moglie, che non sarebbe in condizioni gravi, è stata trasportata all'ospedale San Luca di Vallo della Lucania (Adnkronos)

La donna è stata soccorsa e ricoverata nell’ospedale di Vallo della Lucania. Scambia la moglie per un cinghiale e le spara con il fucile, 64enne ferita nell’orto di casa. (Younipa - il blog dell'Università degli Studi di Palermo)

Ma nel frattempo ci sono stati i nuovi interrogatori dei quattro giovani, che sono stati sentiti su loro stessa richiesta. "Ho rinunciato al mandato per divergenze col mio assistito sulla condotta extraprocessuale da tenere, specie in processi come questo", aveva detto l'avvocato Paolo Costa che difendeva fino a pochi giorni fa Vittorio Lauria (Yahoo Notizie)

Spara a un cinghiale ma era la moglie: “Tradito dal buio”

I soccorsi. Sul posto sono giunti i sanitari del 118, che hanno trasportato la malcapitata all’ospedale “San Luca” di Vallo della Lucania: i medici l’hanno condotta subito in sala operatoria, ma le sue condizioni di salute fortunatamente non sono gravi. (SalernoToday)

Sul posto sono arrivati i carabinieri della stazione di Perdifumo, coordinati dai militari della compagnia di Agropoli, che hanno ascoltato il racconto del 70enne ed effettuato tutti i rilievi del caso per ricostruire l'esatta dinamica di quanto accaduto. (Fanpage.it)

“Pensavo fosse un cinghiale“. Questa la giustificazione fornita da un uomo ai carabinieri dopo il ferimento con un colpi di fucile della moglie, 64 anni, raggiunta da un proiettile alla spalla mentre si trovava nell’orto della sua abitazione. (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr