Dai trasporti alle colf e non solo: chi rischia lo stop con l'obbligo del green pass

Dai trasporti alle colf e non solo: chi rischia lo stop con l'obbligo del green pass
Tiscali Notizie INTERNO

Molti portuali sono stranieri e in molti casi, come al Porto di Trieste, un'alta percentuale, il 40%, non ha il Green Pass

Rischio disagi al trasporto pubblico in Alto Adige.

In questo settore sono impiegati diversi lavoratori stranieri, molti dell'est Europa immunizzati con Sputnik.

E resta aperta la questione dei lavoratori stranieri - in particolare dell'Est - vaccinati con Sputnik, un siero non riconosciuto dall'Ema. (Tiscali Notizie)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Su una cosa invece sono tutti d’accordo: chi dovrebbe lavorare nella sede aziendale e si dichiara senza green pass non può concordare con l’azienda la via d’uscita dello smart working. Si può fare attraverso la condivisione a distanza del green pass», dicono in Assolombarda, la prima territoriale di Confindustria. (Corriere della Sera)

Il cliente può però chiedere a chi è stato chiamato a svolgere un intervento in casa di mostrare il proprio Green pass Dunque da venerdì sarà necessario verificare se la collaboratrice o il collaboratore domestico è in possesso del Qr code. (ilmessaggero.it)

Badanti, colf, idraulici, taxi, parrucchieri e Green pass. Chi deve controllare? Le regole

A chi devo chiedere il Green pass? La bozza risolve così uno dei primi nodi emersi relativo alle migliaia di connazionali che sono stati immunizzati all'estero ma senza green pass cartaceo o elettronico (IL GIORNO)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr