Gp Silverstone, pagelle: Hamilton 9,5, Leclerc 8, Ferrari 6,5, Bottas 5

Gp Silverstone, pagelle: Hamilton 9,5, Leclerc 8, Ferrari 6,5, Bottas 5
Corriere della Sera Corriere della Sera (Sport)

Però negli ultimi giri passa un jolly (la foratura di Bottas) e Max lo pesca al volo, arrivando al secondo posto.

Charles Leclerc 8 Ritorna ad essere il Piccolo Principe in una Silverstone che la Ferrari probabilmente temeva fosse un’altra tappa da Via Crucis.

Su altre testate

Poi deve sfoderare tutto il suo talento per tenere in pista la sua Mercedes ferita con il cuore in gola. Ce la fa e Schumi è più vicino (La Gazzetta dello Sport)

Mercedes, un altro sport — La Mercedes e Lewis Hamilton fanno un altro sport. Certo l’immagine di gare decise da gomme che non reggono non è edificante, queste sono pur sempre gare di auto, non di pneumatici. (La Gazzetta dello Sport)

Un approccio che pare funzionare, visto che in questo modo Lewis può concentrarsi completamente sulle gare per continuare a svolgere il suo lavoro in modo quasi perfetto. Niente ansia per il rinnovo del contratto del pilota più titolato in circolazione, ha detto Toto citato da Speed Week: “Non ci sono grosse trattative o novità rigurdo al contratto di Lewis perché noi ci fidiamo reciprocamente. (FormulaPassion.it)

Un’analisi sul quotidiano britannico The Independent spiega che il Gran Premio di Gran Bretagna è stato un esempio di come la necessità di ‘cambiare’ le condizioni di partenza tra le due gare da disputare a Silverstone possa aver creato uno strano scenario. (FormulaPassion.it)

Ma il cedimento della gomma anteriore sinistra sulla sua Mercedes, a un giro dalla fine del GP di Gran Bretagna, è stato – per Lewis Hamilton – un grandissimo colpo di fortuna. Il ferrarista ha voltato pagina dopo il tamponamento al Gp di Stiria (La Gazzetta dello Sport)

Lewis Hamilton vince il Gp di Gran Bretagna, con il brivido. Sono molto contento di come ho gestito le gomme dall’inizio alla fine e sono contento del bilanciamento della vettura» ha commentato Leclerc. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr