Blinken: "La Cina è aggressiva"

Blinken: La Cina è aggressiva
Più informazioni:
RSI.ch Informazione ESTERI

Più di un milione di persone sono state messe in campi di concentramento o di rieducazione, chiamateli come volete”.

Il segretario di Stato USA Anthony Blinken torna a puntare l'indice contro Pechino, accusandola di essere particolarmente "aggressiva all'estero" e di comportarsi sempre più come "rivale, antagonista".

Ha poi espresso la sua preoccupazione anche sulla protezione della proprietà intellettuale che “è sempre più minacciata”

Intervistato dalla CBS, Blinken non ha nascosto i suoi timori per la strategia repressiva adottata negli ultimi anni dalla Cina all'interno dei suoi confini, come per esempio la campagna condotta contro gli uiguri: “Vediamo un genocidio contro questo popolo nello Xinjiang (RSI.ch Informazione)

Ne parlano anche altri giornali

Possiede già la più grande marina del mondo e potrebbe usarla per invadere Taiwan", l'isola contesa che gli Stati Uniti sostengono nella sua tenuta democratica. Nonostante tutti questi campanelli di allarme, Blinken allontana un'ipotesi di scontro diretto: sarebbe "profondamente contro gli interessi di Cina e Stati Uniti arrivare a quel punto, o anche andare in quella direzione" (AGI - Agenzia Italia)

Blinken accusa la Cina: "È repressiva in patria e aggressiva verso il mondo"
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr