Istat, perso un milione di posti di lavoro nell'anno della pandemia. L'emorragia si stabilizza a febbraio

Istat, perso un milione di posti di lavoro nell'anno della pandemia. L'emorragia si stabilizza a febbraio
la Repubblica ECONOMIA

Rispetto a febbraio 2020, il tasso di occupazione è più basso di 2,2 punti percentuali e quello di disoccupazione è più alto di 0,5 punti".

I dati positivi riguardano dunque l'andamento di febbraio rispetto a gennaio, che fotografa il trend più recente.

Con l'aggravante dela crescita di oltre 700 mila inattivi, ovvero coloro che non hanno occupazione né la cercano.

Parallelamente sono cresciuti i disoccupati (+21 mila) e, soprattutto, gli inattivi, di oltre 700mila unità. (la Repubblica)

Su altre fonti

Gli alimentari e il farmaceutico sono stati gli unici settori a registrare incrementi di valore aggiunto (+2 e +3,5% rispettivamente). Le imprese italiane hanno potuto difendere la propria posizione sui mercati internazionali grazie a una presenza su mercati più dinamici (effetto struttura geografica) e a fattori di prezzo e di qualità (effetto competitività) (Servizio Informazione Religiosa)

Il tasso di occupazione scende, in un anno, di 2,2 punti percentuali. Il tasso di disoccupazione scende nel mese al 10,2% (-0,1 punti) e tra i giovani al 31,6% (-1,2 punti). (Calabria 7)

Il livello dell’occupazione nel trimestre dicembre 2020-febbraio 2021 è inferiore dell’1,2% rispetto a quello del trimestre precedente (settembre-novembre 2020), con un calo di 277mila unità. Febbraio. (Il Tabloid)

Dati Istat febbraio: cresce la disoccupazione, 2020 terribile per il lavoro

La crisi ha colpito soprattutto le imprese di(risulta a rischio oltre un terzo di quelle con 3-9 addetti) e si è manifestata prevalentemente attraverso un crollo della. (Borsa Italiana)

Queste imprese sono numerose nei settori a basso contenuto tecnologico e di conoscenza. Una “mappa della solidità” delle imprese indica che circa il 45% di esse è strutturalmente a rischio: esposte a una crisi esogena, subirebbero conseguenze tali da metterne a repentaglio l’operatività. (BlogSicilia.it)

Dati Istat preoccupanti quelli relativi al mese di febbraio: numeri che hanno confermato il terribile 2020 per il lavoro e per l’occupazione. Ed è in aumento di 2,6 punti sul mese di febbraio 2020 (Consumatore.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr