Elezioni Salerno, il leader delle Coop obbligava i dipendenti a votare la moglie: «So chi siete»

Elezioni Salerno, il leader delle Coop obbligava i dipendenti a votare la moglie: «So chi siete»
ilmessaggero.it INTERNO

Un meccanismo di cui erano tutti a conoscenza al Comune - secondo la Procura - persino il sindaco Napoli che avrebbe fatto una delibera ad hoc per sbloccare una gara

Le indagini, delegate alla Squadra mobile di Salerno partono da qui, aprono nuovi spunti investigativi sulle coop e portano, nel giro di dieci giorni, al nuovo provvedimento.

La candidatura in questione è quella di Alessandra Francese, moglie di Izzo, in lista con Progressisti per Salerno, a sostegno del sindaco Napoli. (ilmessaggero.it)

Se ne è parlato anche su altri media

Contrariamente a quello che si pensava inizialmente, prima cioè che il terremoto giudiziario si abbattesse sul Comune di Salerno, l’incarico non dovrebbe essere ricoperto da qualcuno dei candidati che hanno ottenuto più preferenze nell’ultima tornata elettorale (erano circolati i nomi di Dario Loffredo e Packy Memoli). (Salernonotizie.it)

Nel 2015 la Corte dei conti condannò il sindaco di Salerno e l’allora giunta per la nomina a vicesegretario comunale di Marotta Perché anche lui come l’attore inglese in quella pellicola è stato giardiniere e come tale ha cominciato all’età di 18 anni la sua straordinaria ascesa al Comune di Salerno. (Corriere del Mezzogiorno)

Inchiesta sulle cooperative di Salerno, chi è Felice Marotta. Un uomo-chiave del Comune, un fedelissimo di Vincenzo De Luca che nel 1993, quando per la prima volta diventò sindaco di Salerno, disse che avrebbe fatto piazza pulita mettendo alla porta tutti i volti del passato tra cui, appunto, Marotta come ricorda il Corriere del Mezzogiorno. (L'Occhio di Salerno)

Salerno, minacce sul voto per le Comunali: due arresti in una coop

Nel settembre del 2019, proprio sugli appalti affidati dal comune di Salerno alle cooperative sociali, intervenne anche l’Anac, al tempo presieduta dal magistrato Raffaele Cantone Caselli ha ricoperto l’incarico di Rup (responsabile unico del procedimento), per piazza della Libertà: la mega opera pubblica voluta da De Luca e disegnata dall’archistar Ricardo Bofill. (Corriere del Mezzogiorno)

E ciò per «costringerli. «Mi sono scervellato sezione per sezione, so dove votate, so dove non votate, quindi io personalmente me li vado a controllare. (ilmattino.it)

Il blitz dopo la vicenda degli audio con ricatto inviato ai dipendenti per favorire la candidata Francese (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr