Covid Gran Bretagna, effetto variante Delta: 8.125 contagi. "No allentamento misure"

Il Giorno ESTERI

I contagi da Covid-19 nel Regno Unito sono risaliti a 8.125 nelle ultime 24 ore rispetto ai 7.393 di ieri, il livello più alto da febbraio.

Come anticipato, il peso della variante Delta è preponderante: circa il 90% dei nuovi casi Covid osservati nel Regno Unito.

Londra - Nuova impennata di contagi nel Regno Unito, sulla spinta della diffusione della variante Delta.

Tim Spector, King's College di Londra, autore principale dello studio, attribuisce la crescita delle infezioni all'aumento dei contatti sociali e alla variante Delta altamente trasmissibile, ora appunto ceppo dominante nel Regno Unito

Secondo uno studio epidemiologico, citato dal 'Financial Times', i casi di Covid-19 nel Regno Unito sono più che raddoppiati nell'ultima settimana. (Il Giorno)

Ne parlano anche altri media

Se sei idoneo, ti invitiamo a vaccinarti e a ricordare che due dosi forniscono una protezione significativamente maggiore rispetto a una." Quasi 30.000 nuovi contagi di coronavirus, nella sua variante indiana, sono stati registrati nel Regno Unito in quest'ultima settimana: lo confermano i dati diffusi dal Phe (Public health England). (Tiscali.it)

Continua a preoccupare la situazione Coronavirus nel Regno Unito, alle prese con la circolazione della variante Delta, nuovo nome con il quale l'Oms ha ribattezzato la variante indiana. Si ricordi infatti che nel Regno Unito più di 60 milioni di persone hanno ricevuto almeno la prima dose. (Fanpage.it)

I contagi cominciano a risalire, il Regno Unito potrebbe rinviare il “giorno della liberazione”

Nessun vaccino è efficace al 100 percento, pertanto non ci si deve stupire che alcune persone completamente vaccinate possano restare contagiate e ammalarsi anche seriamente. Sebbene in proporzione minore, sono stati coinvolti anche pazienti completamente vaccinati. (Scienze Fanpage)

Intanto una notizia positiva nelle questioni “di genere”: nelle scuole elementari è diventata obbligatoria da qualche mese l‘“educazione alle relazioni”. The Covid Report I titoli di giornale sono ancora cauti, ma mettono le mani avanti: preparano il terreno per la decisione che sembra sempre più probabile, di rimandare il “giorno della liberazione”, la riapertura totale fissata da tempo al 21 giugno. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr