Violenza di genere e domestica: la situazione in Turchia dopo il decreto n. 3718 di Erdogan

Violenza di genere e domestica: la situazione in Turchia dopo il decreto n. 3718 di Erdogan
Giuricivile.it ESTERI

Le ampie possibilità di recesso dalla Convenzione non significano automaticamente che la decisione di Erdogan possa definirsi legittimamente adottata.

Le criticità. Istanbul 2011 riveste la forma ‘soft-law’ del Trattato internazionale aperto similmente al Trattato di Roma istitutivo delle Comunità Economiche europee.

Quindi singole cittadine ed organizzazioni non governative portatrici di rivendicazioni sull’eguaglianza di genere e sulla lotta ad ogni forma di violenza e di discriminazione

Al contrario, il potere di ratificare od uscire da un trattato internazionale rientra nelle esclusive attribuzioni del potere legislativo esercitato dal Parlamento o ‘Grande assemblea nazionale turca’ in base all’articolo 90 dello Statuto. (Giuricivile.it)

Ne parlano anche altri media

La Presidente @vonderleyen lasciata ai margini dell’incontro ufficiale mentre il posto d’onore è stato riservato a @eucopresident". (Adnkronos) - "Questa foto rappresenta plasticamente la scarsa considerazione che il Presidente turco #Erdogan ha delle donne e dell’Europa. (SassariNotizie.com)

Lo ha detto Erdogan lo scorso gennaio: «Non preoccupatevi, (il canale di Istanbul) è del tutto fuori da Montreux». Esponenti del governo e lo stesso presidente si sono spesi in condanne aspre dell’iniziativa: «È un golpe politico», ha detto Erdogan (Nena News Agency)

Con il “Kanal Istanbul” si intende dribblare il Bosforo realizzando un collegamento marittimo tra Mar Nero e Mar di Marmara, simile al canale di Panama o a quello di Suez. La minaccia del golpe militare è sempre molto sentita in Turchia, dato che ne sono stati fatti tre fra il 1960 e il 1980. (Corriere della Sera)

Erdogan lascia senza sedia von Der Leyer

Oggi sottrarsi alla Convenzione di Istanbul significa non voler riconoscere che la violenza maschile è un fenomeno strutturale e che le condotte violente costituiscono sempre dei reati. Lunedì il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, ha ricevuto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. (Unimondo.org)

Ma il precedente della visita congiunta in Turchia dei presidenti di Commissione e Consiglio Ue, il 16 novembre 2015, si svolse secondo un protocollo visibilmente diverso rispetto a quello di ieri, finito nella bufera per la collocazione della presidente della Commissione Ursula von der Leyen in un sofa' isolato - e di fronte al ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, non un suo omologo - mentre il presidente del Consiglio europeo Charles Michel sedeva accanto al capo dello stato Recep Tayyip Erdogan (Tiscali.it)

Eric Mamer, il portavoce, ha asserito quello che tutti hanno potuto vedere nelle immagini: la sorpresa di von Der Leyer L’accaduto lascia sorpresi e ha tutta l’aria di non essere una gaffe, bensì una risposta mirata e, almeno nella modalità, spiazzante. (LettoQuotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr