Facebook ha il coraggio di dire che non è colpa sua se le hanno sottratto mezzo miliardo di numeri di telefono

Facebook ha il coraggio di dire che non è colpa sua se le hanno sottratto mezzo miliardo di numeri di telefono
DDay.it - Digital Day SCIENZA E TECNOLOGIA

Qualcuno ha pensato bene di caricare una rubrica fatta da ogni numero esistente, miliardi di numeri, e Facebook ha restituito di quel miliardo di numeri tutti i contatti presenti sul social.

Che siano stati sottratti a Facebook oltre 500 milioni di numeri di telefono degli utenti del social, corredati da diversi dati personali, è un dato di fatto.

In pratica, nessuno ha forzato la banca dati di Facebook semplicemente perché Facebook ha lasciato la porta di casa aperta. (DDay.it - Digital Day)

La notizia riportata su altri giornali

I dati rubati rubati (soprattutto numeri telefoni o indirizzi email) possono essere ancora usati dagli hacker per compiere furti di identità o truffe varie, ricatti e scopi commerciali illeciti. Cosa fare se i tuoi dati sono stati rubati. (Pourfemme)

Nessuna scusa da parte di Facebook, che anzi se ne lava le mani (Di giovedì 8 aprile 2021) Le risposte di Facebook al grave leak dei dati personali finiti online solleva domande su come l'azienda gestisce la privacy L'articolo proviene da TuttoAndroid. (Zazoom Blog)

L’articolo specifica che del totale, 32 milioni sono utenti statunitensi, 11 milioni del RegnoUnito, 6 milioni indiani. Di diverso avviso Facebook, che tramite la portavoce Lily Sheperd ha replicato: «Sono vecchi dati il cui furto era stato già segnalato nel 2019» e «il problema è stato risolto nell’agosto di quell’anno» (Il Dubbio)

Dati rubati su Facebook, il Garante: attenti al cellulare

Tutti chiedono aperture ed è normale chiederle, perché la miglior forma di sostegno non è quella che dà il governo ma sono le riaperture". Bisogna fare come altri Paesi, pronti ad accogliere tutti i turisti che hanno un certificato vaccinale" (Yahoo Notizie)

Credo nel sussulto che ci guida nel segreto delle azio… - Paolashap : RT @erykaluna: Credo nel profumo del gelsomino che sale al primo piano e mi ricorda. Ma poche ore dopo . Advertising. DipRoss : RT @erykaluna: Credo nel profumo del gelsomino che sale al primo piano e mi ricorda. (Zazoom Blog)

E dall’altra parte lancia un messaggio preoccupato e preoccupante agli utenti stessi: attenzione al cellulare. La «violazione» citata nel suo messaggio si riferisce al furto dei dati di circa 35 milioni di italiani che hanno un profilo su Facebook. (La Legge per Tutti)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr