Celebrazioni ancora sotto restrizioni per il 77º anniversario del D-Day Euronews

Celebrazioni ancora sotto restrizioni per il 77º anniversario del D-Day Euronews
Notizie - MSN Italia ESTERI

I nomi di oltre 22.000 uomini e donne sono scritti sulle sue colonne di pietra.

A pochi chilometri da Omaha Beach, fuori dal villaggio di Ver-sur-Mer, è stato inaugurato il Memoriale dei caduti britannici.

Costruito nell'ambito di un progetto lanciato nel 2016, il monumento rende omaggio a coloro che sotto il comando britannico morirono nel D-Day e durante la battaglia di Normandia.

Alcuni rievocatori sono arrivati a Omaha Beach nelle prime ore dell'alba, per rendere omaggio a coloro che sono caduti quel giorno, portando fiori e bandiere americane. (Notizie - MSN Italia)

Su altre testate

Quei giovani ai loro ordini morirono a decine di migliaia. Dall’alto delle scogliere le mitragliatrici e i mortai tedeschi poterono colpire con una certa facilità migliaia e migliaia di quei giovani nemici. (Avanti!)

6 giugno 1944, 77 anni fa lo sbarco in Normandia. Dopo la pausa per covid del 2020, quest'anno si riprende con l'inaugurazione di un memoriale dei caduti britannici dello sbarco. (Euronews Italiano)

Pochi veterani alle prime luci dell’alba si sono presentati sulla spiaggia dove circa 160 mila soldati sbarcarono pronti a versare il loro sangue per aprire un secondo fronte in Europa, fondamentale sconfiggere la Germania nazista Celebrazioni in tono minore sulla spiaggia di Saint-Laurent-Sur-Mer, quella che in codice fu chiamata Omaha Beach (LaPresse)

All'alba del 6 giugno del 1944, 77 anni fa, avvenne lo sbarco in Normandia

Quelli rimasti in Gran Bretagna non hanno affrontato la pandemia come un tempo fecero con i proiettili da 88 delle batterie costiere. La maggior parte dei reduci hanno potuto seguire la cerimonia normanna di Ver sur Mer su mega-schermi in vari punti di raccolta del Regno Unito, come i 100 veterani presenti al National Memorial Arboretum nello Staffordshire. (Notizie - MSN Italia)

Cinque furono le spiagge in cui si riversarono con nomi in codice: Juno, Gold, Sword, Utah e Omaha. E poi i moltissimi civili che in vari modi hanno dato vita alla Resistenza nei paesi europei occupati dai nazisti (Il Foglietto della Ricerca)

Così lo ribattezzò Erwin Rommel, il generale nazista a capo delle forze tedesche, in un discorso con un suo sottoposto. “Le prime ventiquattr’ore dell’invasione saranno decisive: per gli alleati, come per la Germania, quello sarà il giorno più lungo”. (http://www.lagendanews.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr