ALEX POMPA: ha Ucciso il Padre per Difendere la Madre, la Decisione dei Giudici

iL Meteo INTERNO

Secondo quanto riportato dal quotidiano Huffington Post, il 30 aprile 2020 si verificò l'omicidio nella casa familiare a Collegno, un comune nell'hinterland Torinese.

Inoltre, alla domanda se rifacesse tutto quanto, Alex, commosso e turbato, in aula ha risposto che "Avrei voluto morire Io piuttosto che uccidere mio padre

Il papà Giuseppe, un operaio 52enne, è stato descritto come “irascibile, aggressivo, molesto e ossessionante, nonché dagli atteggiamenti violenti e maneschi”. (iL Meteo)

Su altre testate

Se non fosse per lui, oggi non sarei qui" - ha dichiarato la madre del ragazzo durante la difesa in aula (Skuola.net)

«Se avessi denunciato sarei morta — spiega la donna — Penso che si debbano tutelare di più le donne dopo che denunciano di essere vittime di violenza”. Questo video contiene contributi www.raiplay.it (Corriere TV)

La vittima prediletta è Maria, la madre di Alex e del fratello Loris. Per questa efferatezza la richiesta della procuratrice non può essere che di 14 anni di carcere con un'attenuante lieve per infermità mentale (Ticinonline)

Lo stesso imprenditore ha anche spiegato come ogni quindici giorni telefonasse al giovane per sentire come stesse, facendosi raccontare l'evolversi della vicenda giudiziaria Al momento della pronuncia, da parte del giudice della Corte d'Assise, della sentenza di assoluzione di Alex Pompa, in aula a Torino c'era anche Paolo Fassa Bortolo, imprenditore trevigiano a capo della famosa azienda italiana di calce. (QV QuotidianoVenariese)

I tre europarlamentari catalani avevano presentato ricorso dopo l’arresto di Puidgemont avvenuto a Alghero, in Sardegna, il 23 settembre scorso. Torino, 26 nov. (LaPresse)

La famiglia Pompa da anni viveva in balia del padre Giuseppe, un uomo violento, geloso e possessivo all’inverosimile nei confronti della moglie Maria. Alex Pompa, assolto dopo l’uccisione del padre, spiega come si sente e cosa farà ora che è fuori dal carcere. (Leggilo.org)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr