Inchiesta migranti, Cartabia: indagini su Procura Trapani/ Intercettazioni illecite?

Inchiesta migranti, Cartabia: indagini su Procura Trapani/ Intercettazioni illecite?
Il Sussidiario.net INTERNO

Come ricorda l’AGI, Agenzia Giornalistica Italiana, l’indagine della Procura trapanese sulle Ong riguarda ventuno persone, sulle cui teste pende l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

La genesi di questa inchiesta è datata 2017, quando la “Iuventa”, nave gestita da alcuni volontari tedeschi, venne sequestrata al largo di Lampedusa

Un argomento sul quale la Guardasigilli è stata sollecitata da un’interrogazione presentata da venti deputati del Partito Democratico, i quali hanno richiesto un’ispezione nei locali della Procura trapanese “per verificare lo scrupoloso rispetto di importanti princìpi costituzionali”. (Il Sussidiario.net)

Su altre testate

In particolare, si fa riferimento alle intercettazioni relative ai colloqui tra la cronista Nancy Porsia e la sua legale Alessandra Ballerini e ad alcuni stralci in cui si fa riferimento alle indagini sulla morte di Giulio Regeni. (Itaca Notizie)

Giornalisti e avvocati intercettati si occupano di Libia e traffico migranti. A sollevarsi anche alcuni deputati Pd che al ministro della Giustizia hanno presentato un'interrogazione per chiedere un'ispezione alla procura di Trapani (TG La7)

Il presidente dell'ordine: "Sfregio del segreto professionale". La ministra della Giustizia Marta Cartabia vuole vederci chiaro. (BlogSicilia.it)

Il giallo dei giornalisti intercettati illegalmente: la ministra Cartabia vuole vederci chiaro

A rivelarlo è stato un articolo pubblicato da Andrea Palladino su "Il Domani", poi ripreso anche dal Guardian. Nella sintesi della telefonata vengono anche riportati spostamenti al Cairo dell’avvocato Ballerini in quanto legale della famiglia di Giulio Regeni“. (Fanpage.it)

Vengono intercettati illegalmente perché si tratta di un colloquio tra un avvocato e una sua cliente. Perché sono stati intercettati? (Vita)

Ascoltati per mesi. Alcuni cronisti sarebbero stati ascoltati per mesi, come la giornalista di inchiesta Nancy Porsia, del Fatto Quotidiano persino mentre parla con il suo avvocato L'inchiesta ha portato alla luce decine d'intercettazioni di giornalisti italiani da parte degli inquirenti della procura di Trapani, impegnati in indagini sulle Ong e il flusso di migranti dalla Libia. (Tiscali Notizie)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr