“Sono al fianco di mia figlia”

“Sono al fianco di mia figlia”
Alqamah INTERNO

«Mi hanno raccontato – spiega – la loro versione dei fatti, cioè che non avevano fatto nulla di male a mia figlia, e io ci ho creduto e così mi sono fatto accompagnare dai carabinieri.

In un primo momento il padre della ragazza aveva appreso in modo sommario dalla figlia, arrivata a casa a notte fonda, cosa era accaduto.

Tutta la famiglia è al suo fianco»

Poi, una volta a casa, mia figlia ha avuto modo di raccontarmi quanto successo e ho avuto modo di conoscere bene tutta la storia e così sono andato di nuovo dai carabinieri e ho messo a verbale che mia figlia aveva fatto bene a denunciare. (Alqamah)

Ne parlano anche altre testate

Quando esce, Titone la aspetta fuori e la bacia, poi consumano un rapporto consenziente in una delle stanze da letto. Ma poi si è ricreduto, parlando più approfonditamente con la ragazza e da quel momento sostenendola nella sua denuncia. (Il Fatto Quotidiano)

News | Denuncia uno stupro, le parole atroci del padre: “Era ubriaca, quelli sono bravi ragazzi” Parole atroci da parte del padre di una 18enne che ha denunciato di essere stata violentata, dopo essere finita in una trappola crudele a Campobello di Mazara (Trapani), da quattro ragazzi che credeva amici e che sono appena finiti agli arresti. (LE IENE)

Era ubriaca, non era in grado di capire cosa stava accadendo». Davanti ai carabinieri di Campobello di Mazara infatti, l’uomo avrebbe minimizzato l’entità delle accuse della figlia ai quattro giovani, che sono stati arrestati con l’accusa di violenza sessuale di gruppo aggravata. (StatoQuotidiano.it)

Violentata a 18 anni dagli amici, il padre di lei li difende: «Mia figlia ubriaca, loro bravi ragazzi»

Ma a far discutere in queste ore non è solo la grave violenza che la ragazza avrebbe subito, ma le parole del padre rilasciate ai carabinieri. È in quel momento che il branco avrebbe abusato di lei a turno, senza fermarsi davanti alle urla e alle lacrime della ragazza. (vistanet)

Alle forze dell’ordine ha raccontato di essere stata bloccata e di avere subito “ripetuti atti sessuali”. Una ragazza di 18 anni, dopo essere stata violentata da quattro amici, ha presentato denuncia ai carabinieri, tuttavia il padre inaspettatamente si è presentato in caserma per difendere i giovani accusati degli abusi. (Ck12 Giornale)

«Mia figlia vi ha raccontato dei fatti non veri – ha detto il padre –, era ubriaca e quindi non era in grado di capire ciò che stava accadendo». APPROFONDIMENTI TRAPANI Ragazza stuprata dagli amici durante una festa, arrestati quatto. (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr