Uccisa a coltellate dal marito, pomeriggio di sangue a Quartucciu: choc per Angelica Salis - Casteddu On line

Casteddu Online INTERNO

Sul luogo del delitto in azione la Scientifica, oltre il nastro biancorosso posizionato dai carabinieri tantissimi quartuccesi, tutti choccati per quanto accaduto

Un pomeriggio di sangue, a Quartucciu.

La coppia ha tre figli, due femmine e un maschio, che non vivono a Quartucciu.

Una donna di sessant’anni, Angelica Salis, è stata uccisa dal marito, Paolo Randaccio, nella loro abitazione di via Sarcidano 34. (Casteddu Online)

Se ne è parlato anche su altre testate

È morta così Angelica Salis, 60 anni, uccisa dal compagno di una vita, nella loro casa di via Sarcidano a Quartucciu. Piangiamo Angelica e preghiamo per Paolo e facciamo si che il silenzio e il rispetto prevalgano sul giudizio" (YouTG.net)

La donna è finita per terra e l’uomo, a quel punto, ha chiamato i carabinieri, dicendogli di aver ucciso la moglie. La dinamica del femminicidio, purtroppo, è chiara, come ha spiegato il capitano dei carabinieri di Quartu, Valerio Cadeddu (Casteddu Online)

Catania, 11 set. (LaPresse)

Sono almeno sei le coltellate che Paolo Randaccio ha inflitto alla moglie Angelica Salis, 60 anni, massacrata ieri nella cucina di casa al numero 34 di via Sarcidano a Quartucciu. E’ quanto emerge da una prima indagine sul corpo della donna, uccisa probabilmente dopo l’ennesima discussione col marito. (L'Unione Sarda.it)

Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti Paolo Randaccio, 67 anni, avrebbe ucciso la moglie, Angelica Salis di 60 anni, al termine di una accesa lite. Il sindaco della cittadina dell’hinterland ha parlato di una «tragedia che ha colpito la nostra comunità ci mostra il lato più vulnerabile della fragilità umana». (vistanet)

I carabinieri della compagnia di Quartu hanno trovato la donna riversa a terra e l'uomo in stato confusionale. Una casalinga di 60 anni, Angelica Salis, è stata uccisa a coltellate dal marito Paolo Randaccio, 67 anni, che poi ha chiamato i carabinieri e li ha aspettati. (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr