Rossi, Lorenzo, Dovizioso e i grandi fallimenti in MotoGP

Rossi, Lorenzo, Dovizioso e i grandi fallimenti in MotoGP
Moto.it SPORT

E’ sesto anche nel 2018, quando conquista altri due secondi e un terzo posto

2017: Lorenzo da Yamaha a Ducati. Con la Yamaha vince 44 GP, conquista 110 podi e tre titoli mondiali, costringendo in qualche modo Valentino Rossi a lasciare la M1.

E va subito forte, ottenendo due secondi e un terzo posto, chiudendo la stagione del debutto in sesta posizione.

Nel 2013 passa alla Ducati per far posto a Rossi, ma si fa male e nella “sua” Indianapolis annuncia il ritiro. (Moto.it)

Ne parlano anche altri giornali

Il ritiro del forlivese dalla MotoGP è stato annunciato con un comunicato stampa da Yamaha lla vigilia del GP di Silverstone (ecco gli orari TV) e la sua ultima apparizione sarà nell'appuntamento di casa, il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini (Motosprint.it)

Non mi sono mai sentito a mio agio con la moto e non ho saputo sfruttarne al meglio le potenzialità Non mi sono mai sentito a mio agio con la moto e non ho saputo sfruttarne al meglio le potenzialità". (LAPRESSE)

Il Morbido ha agguantato un settimo posto in Indonesia, ma per il resto nemmeno lui ha mai visto la top ten, e di punti ne ha rastrellati appena 32 In squadra non hanno potuto fare molto per assisterlo: correre in un team satellite significa prendere il materiale che altri deliberano, e in questo caso si tratta di Quartararo. (inSella)

MotoGP, Jarvis: "La frustrazione di Dovizioso è comprensibile"

Dai duelli con Jorge Lorenzo e Casey Stoner tra 125 e 250, alle battaglie contro Valentino Rossi e Marc Marquez nella top class. Andrea Dovizioso ha deciso: in occasione del Gran Premio di San Marino, in scena a Misano dal 2 al 4 settembre, saluterà la MotoGP. (La Gazzetta dello Sport)

"Andrera voleva interrompere la sua avventura in estate – ha spiegato il numero uno del Team Yamaha –ma insieme abbiamo preferito arrivare a Misano per poter festeggiare sulla pista di casa sua una carriera eccezionale". (QUOTIDIANO NAZIONALE)

Ecco le sue parole: “Siamo tutti dispiaciuti che Andrea lasci questo sport prima del previsto. Purtroppo, Andrea ha faticato a estrarre il massimo potenziale dalla M1 e quindi i risultati non sono arrivati, creando una comprensibile frustrazione. (SPORTFACE.IT)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr