Ritorno a scuola in presenza: i DS non ancora pienamente convinti. Il sondaggio ANDIS

Ritorno a scuola in presenza: i DS non ancora pienamente convinti. Il sondaggio ANDIS
Tuttoscuola INTERNO

Un primo dato da cogliere è che i dirigenti scolastici non manifestano pieno consenso alla riapertura, ma si esprimono favorevolmente sulle domande che riguardano la riapertura delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di I grado.

A fronte di tali problematiche, tuttavia, l’ipotesi di prolungare le attività didattiche per l’intero mese di giugno non trova grande adesione tra i dirigenti scolastici

Dal sondaggio emerge ancora che per la stragrande maggioranza dei dirigenti scolastici la didattica a distanza, pur con i suoi vantaggi, ha fatto registrare segni evidenti di disagio psicologico (solitudine, noia, insonnia, depressione), difficoltà di concentrazione e problemi di attenzione. (Tuttoscuola)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Ad esempio, alla Mazzini-Modugno, per la primaria, 232 alunni su 539 seguono a scuola, e la stessa percentuale viene registrata per la prima media. "Nella primaria c'è solo una classe tutta a distanza, su 27, mentre per le prime medie, in ognuna c'è qualche studente", spiega la preside Maria Dentamaro. (La Repubblica)

Ritrovata ragazzina delle scuole medie Paura nella mattinata di giovedì 8 aprile a Sovere per una ragazzina delle scuole medie che, prima di iniziare la didattica a distanza, è uscita di casa facendo preoccupare i genitori che hanno chiesto ai carabinieri di aiutarli a cercarla. (L'Eco di Bergamo)

– Anche Varese sarà presente alla manifestazione nazionale in programma sabato pomeriggio in piazza del Popolo a Roma, organizzata dalla rete “Scuola in presenza”. varese roma genitori no dad – MALPENSA24 (malpensa24.it)

Scuola, un piano triennale per uscire dall'emergenza: la proposta

Il verdetto del sondaggio di Orizzonte Scuola è stato abbastanza chiaro: per il 60% è giusto bocciare gli studenti nonostante il covid e la didattica a distanza Si tratta del risultato del sondaggio condotto da Orizzonte Scuola che ha visto oltre 11 mila utenti partecipare alla breve rilevazione. (Orizzonte Scuola)

Il Premier raccomanda: seguire le linee guida indicate dal Ministero della Salute e usare il vaccino AstraZeneca per coloro che hanno più di 60 anni di età. In termini più pratici: se qualcuno volesse essere vaccinato sotto i 60 anni non è qualcosa che va contro le evidenze scientifiche (Tecnica della Scuola)

Per recuperare questi deficit, la scuola ha bisogno di un piano organico e di lungo periodo, che accompagni fuori dall’emergenza e faciliti il recupero innanzitutto della dispersione, ma anche di partecipazione, motivazione, conoscenze e competenze. (Agenda Digitale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr