Milla risponde a De Laurentiis: «Manca di rispetto al calcio africano e al nostro continente»

Milla risponde a De Laurentiis: «Manca di rispetto al calcio africano e al nostro continente»
Calcio News 24 SPORT

Ma nel momento in cui il signor De Laurentiis dice che non comprerà più calciatori africani finché non sarà spostata la competizione più importante del nostro continente sta mancando di rispetto al calcio africano e ai Paesi che partecipano alla Coppa d’Africa».

Terzo: perché si dà sempre per scontato che sia l’Africa a sbagliare e a dover cambiare, adattandosi al modello europeo?

MANCANZA DI RISPETTO – «Prendendo come base il presupposto che ognuno è libero di avere le proprie idee e di operare come meglio crede, a me sembra che il presidente del Napoli manchi di rispetto al calcio africano e al nostro continente. (Calcio News 24)

Su altre testate

Vi riportiamo qui qualche frase estratta dalle quattro pagine sull’Africa di De Laurentiis:. Il «basta africani» ha avuto il sapore dell’offesa anche per i tanti napoletani vittime negli stadi italiani di tanti cori di discriminazione razziale. (IlNapolista)

La prossima Coppa d’Africa, infatti, è in programma in Costa d’Avorio a gennaio 2024 (si doveva giocare nel giugno 2023 ma è stata posticipata). (Tutto Napoli)

Faccio riferimento ad alcune grandi testate che vogliono affossare il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. Sono furioso con alcuni giornalisti", le parole di Salvatore Caiazza. (AreaNapoli.it)

Il fondo surreale della Gazzetta: “Anche grazie al Senegal sono arrivati 40mln per Koulibaly"

Ho grande rispetto per la città e per i tifosi e non penso che quello che ha detto De Laurentiis sia quello che pensi la città di Napoli, ma sia solo un’opinione“ Rispetto quello che pensa, se crede che la squadra possa giocare senza africani è un suo diritto. (Grande Napoli)

La prossima Coppa d’Africa è in programma a gennaio 2024 e con ogni probabilità sia Osimhen che Anguissa vi prenderanno parte Come riporta la Gazzetta dello Sport, nell’amichevole con il Girona i circa 1000 tifosi presenti al Patini si sono fatti sentire in particolare per i due giocatori africani, quasi a voler prendere posizione sulla vicenda. (Il Fatto Quotidiano)

Il diritto di rappresentare la propria nazione è sacro e intangibile.Senza contare che i soli “napoletani” ad aver vinto qualcosa nelle ultime due stagioni sono stati Insigne, Di Lorenzo e Koulibaly, proprio grazie alle nazionali. (Tutto Napoli)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr