Energia dalle onde del mare: la costa della Sardegna è l'ideale

Energia dalle onde del mare: la costa della Sardegna è l'ideale
Più informazioni:
La Nuova Sardegna ECONOMIA

Si tratta di un sistema low-cost di produzione di energia dal mare adatto alle piccole isole italiane, dove la fornitura di elettricità è garantita “da costose e inquinanti centrali a gasolio”, osserva Enea.Il nuovo sistema galleggiante, simile a uno scafo di forma semicircolare da posizionare in mare aperto, è in grado di produrre energia elettrica sfruttando l'oscillazione del dispositivo per effetto delle onde. (La Nuova Sardegna)

Se ne è parlato anche su altre testate

La stazione sull'isola diventa primo sito in Europa per il monitoraggio integrato del ciclo del carbonio in atmosfera e in mare. (LaPresse)

Queste tecnologie sono implementabili non soltanto nella fornitura di energia elettrica per usi domestici o civili, ma anche industriali (ad esempio nell’acquacoltura). Sono stati adottati codici di ottimizzazione genetica, basati sul concetto di selezione naturale darwiniana, per ridurre il costo dell’energia del dispositivo. (Controluce Notizia)

Enea e Politecnico di Torino hanno messo a punto la versione 2.0 del Pewec, il convertitore di onde marine in energia elettrica per il Mediterraneo, dove le onde sono di piccola altezza e alta frequenza. (siciliareport.it)

Marina Militare, Sottosegretario Pucciarelli: con 70 anni di evoluzione il Comando in Capo Squadra Navale è saldo fulcro nazionale per operazioni sul mare e dal mare

Il costo dell’energia elettrica dovuto al solo gasolio per la produzione del pesce negli impianti di acquacoltura marina è valutato al 2018 nel range 0,4-0,6 €/kWh e corrispondente al 19% - 45% del valore di vendita all’ingrosso del pesce prodotto (Teleborsa)

ENEA e Politecnico di Torino hanno sviluppato un sistema innovativo che consente di convertire l’energia cinetica delle onde in energia elettrica. Per produrre energia dal moto ondoso. (Periodico Daily - Notizie)

advertisement. Per il suo 70° anniversario voglio quindi rinnovare merito e riconoscenza a tutto il personale di questo ensemble multicapacitivo complesso, peculiarmente multidimensionale – in grado cioè di agire sopra e sotto i mari, nei cieli, verso terra e nelle trasversali direttrici del supporto abilitante fornito dai domini cibernetici e spaziale –, nonché connotato da ampia multidisciplinarità d’impiego, grazie alla naturale predisposizione a favorire e cogliere ogni opportunità di cooperazione interistituzionale, collaborazione interagenzia, integrazione interforze e interoperabilità multinazionale. (Sardegna Reporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr