Covid - Tre nuove zone rosse in Sicilia, adesso sono 45

Covid - Tre nuove zone rosse in Sicilia, adesso sono 45
AMnotizie.it INTERNO

Le nuove zone rosse sono Godrano, in provincia di Palermo, Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa e Ribera, in provincia di Agrigento.

Con la stessa ordinanza è stata disposta la prosecuzione dei controlli anti Covid per chi arriva nell’Isola

Adesso sono 45 in tutto, tra cui Barcellona Pozzo di Gotto, in cui la zona off limits scatta da oggi e fino al 22 aprile.

Il presidente della Regione, Nello Musumeci, ha istituito tre nuove zone rosse in Sicilia (AMnotizie.it)

Ne parlano anche altri media

Un momento voluto da Cimino in persona per “relazionare sulle criticità e sul lavoro svolto per risolvere questa emergenza”, ma che servirà soprattutto per fare fronte comune. (Live Sicilia)

Emerge dal bollettino del Ministero della Salute, aggiornato alle ore 15 di oggi, mercoledì 7 aprile. I casi totali dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono 181.346 (AgrigentoOGGi.it)

Sono 998 i nuovi positivi al Covid19 in Sicilia su 24.958 tamponi processati, con una incidenza di positivi che torna a scendere al 4%. Orlando attacca ancora la Regione. “Ho chiesto zona rossa perché dalla Regione Sicilia dati taroccati come se fosse un concorso a premi”. (BlogSicilia.it)

ANSA-IL-PUNTO/Covid: Sicilia attendo ok a piano ristori PALERMO

Si tratta di Godrano, in provincia di Palermo, Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa e Ribera, in provincia di Agrigento. Il provvedimento, che prevede anche la chiusura delle scuole, è stato richiesto dai sindaci delle città interessate e si è reso necessario a causa di un repentino aumento dei contagi registrati negli ultimi giorni, certificato dalle rispettive Asp. (Grandangolo Agrigento)

La zona rossa è giusta, ma fatta così – incalza – è sbagliata. Se si deve chiudere si chiude, ma la riapertura deve essere con tutti vaccinati (Live Sicilia)

"Lo sforzo che il governo regionale sta compiendo, sia chiaro dice il presidente Nello Musumeci non può essere sufficiente se non è accompagnato dagli interventi del governo nazionale, che speriamo siano più incisivi di quelli operati finora. (RagusaNews)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr