In Cina non si nasce più

In Cina non si nasce più
Ticinonline ESTERI

Le strategie portate avanti dal governo per aumentare le nascite si stanno rivelando inefficaci, spiega il South China Morning Post

Nel 2020 sono nati 8,5 bambini su 1'000 abitanti.

E il 2020, in confronto al 2013, ha mostrato un vero crollo: in sette anni le nuove coppie sposate sono diminuite del 40%.

Le causa sono diverse: prima tra tutte è che tra il 1980 e il 2015 la Cina aveva attuato la "One-child policy", ovvero non si poteva avere più un figlio per coppia. (Ticinonline)

Su altre fonti

Il numero dei divorzi è diminuito per la prima volta in più di 30 anni, dopo l'imposizione all'inizio del 2020 di un periodo di riflessione di un mese alle coppie che vogliono separarsi Accade in Cina dove il tasso di natalità è crollato lo scorso anno, scendendo al livello più basso da oltre 40 anni. (Rai News)

Tuttavia, il calo consistente del numero di nascite in alcune regioni della Cina è stato di oltre il 10% quest'anno e ha suscitato ulteriori preoccupazioni per un'aggravarsi della crisi demografica Gli incentivi a fare più figli sembrano avere scarso effetto sulle famiglie. (Sky Tg24)

Nonostante l'epidemia di Covid-19 che ha confinato milioni di coppie nelle loro case all'inizio del 2020, il tasso di natalità è diminuito drasticamente lo scorso anno, scendendo a 8,52 nascite ogni 1.000 abitanti. (Giornale di Sicilia)

In Cina e Asia - Calo storico del tasso di natalità in Cina

Ascolta la versione audio dell'articolo. 2' di lettura. Il tasso di natalità in Cina è crollato lo scorso anno, scendendo al livello più basso da oltre 40 anni, nonostante gli sforzi del regime comunista per convincere le coppie a fare più figli. (Il Sole 24 ORE)

Secondo il China Statistical Yearbook 2021, pubblicato dall’Istituto nazionale di statistica nel weekend, è la prima volta che il tasso di natalità scende a una cifra singola. (China-Files)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr