Salvini in Vaticano da Mons. Gallagher/ “Papa? Non la vediamo così diversamente”

Salvini in Vaticano da Mons. Gallagher/ “Papa? Non la vediamo così diversamente”
Il Sussidiario.net INTERNO

MATTEO SALVINI/ "Rdc da rivedere o cancellare.

Conclude il segretario della Lega che da tempo molti sacerdoti «hanno condiviso le mie scelte da ministro dell’Interno», il che ha comportato un interesse comunque mai marginale della Santa Sede nella persona di Salvini e nel partito Lega.

. Matteo Renzi/ "Salvini folle sul green pass

Parleremo di vita, di famiglia, di bambini e di Afghanistan»: così il leader della Lega Matteo Salvini a “La Stampa” annuncia la prima ‘visita ufficiale’ presso la Santa Sede, dopo anni di frecciate a distanza specie sui temi caldi come l’immigrazione e l’accoglienza. (Il Sussidiario.net)

Su altre testate

Se c’è uno che ha sognato la svolta moderata della Lega dall’inizio, quello è Nicola Ottaviani, sindaco di Frosinone e coordinatore provinciale del Carroccio. Ed è stato sempre lui a spalancare a Salvini i portoni di un certo volontariato che resta lontano dai riflettori. (AlessioPorcu.it)

E' soddisfatto Matteo Salvini quando lascia il Vaticano, lasciandosi alle spalle, o almeno provando a farlo, anni di diffidenze reciproche. Al "ministro degli Esteri" del Vaticano sarebbe stato consigliato di «ascoltare, di lasciare la parola all’ospite e di essere prudente, per evitare di trasmettere visioni internazionali della Santa Sede attraverso Salvini». (La Sentinella del Canavese)

Il colloquio avviene alla vigilia della visita di papa Francesco nell’Ungheria di Viktor Orbán, paese sovranista contrario all’accoglienza dei profughi afghani. (Domani)

Parolin contro i no vax: "Derive violente incomprensibili" • Imola Oggi

Gallagher l'ha concessa come avviene spesso anche con altri esponenti politici non solo italiani Secondo quanto apprende Repubblica l'udienza è stata chiesta da Salvini per parlare della situazione afghana dopo il ritiro delle forze statunitensi. (la Repubblica)

Grande è l’attesa per l’arrivo del Successore di Pietro, che – afferma il Segretario di Stato vaticano, cardinale Pietro Parolin – invita ad essere Chiesa in uscita, trovando un linguaggio capace di parlare del Vangelo al mondo. (Vatican News)

Il Segretario di Stato Vaticano ha poi espresso “preoccupazione” per le “derive violente” dei no vax. Parolin contro i no vax: derive violente. E, pensando alle “derive violente” delle manifestazioni dei no vax ammette: “Certo che il problema di oggi è quello di riuscire a parlarsi e a convincerci perché molte volte ognuno di noi ascolta solo se stesso o quelli che parlano come lui invece non si sforza di considerare gli altri punti di vista”. (Imola Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr